you reporter

Adria

Donatori, nuove leve avanzano

E’ ancora nell’età dell’adolescenza il gruppo dei donatori Fidas di Ca’ Emo: ma sta crescendo bene

Donatori, nuove leve avanzano

E’ ancora nell’età dell’adolescenza il gruppo dei donatori Fidas di Ca’ Emo: ma sta crescendo bene. E va orgoglioso della propria storia al punto che ogni anno celebra la festa di compleanno coinvolgendo tutta la comunità. Così è stato in occasione del 12esimo anniversario di fondazione del gruppo che ha visto la presenza del sindaco Omar Barbierato, Sara Mazzucato nella triplice veste di consigliere comunale, provinciale e delegata del sindaco per la frazione, inoltre molto gradita la presenza di Giuseppina Lobue, già storica e indimenticabile responsabile del centro trasfusionale dell’ospedale di Adria. L’associazione era rappresentata dal vicepresidente Mirko Mottaran e Antonio Doria già presidente e tra i volontari sempre in prima fila. Inoltre erano presenti diversi donatori del territorio adriese e dei paesi limitrofi. Significativa la partecipazione di due giovanissime donatrici: Giulia Garbo e Sabrina Rizzo. Le due ragazze sono state protagoniste durante la messa all’offertorio quando, accompagnate dai dei fondatori del gruppo, Graziano Biscaro e Gildo Benetti, hanno portato all’altare il pane, il vino, un omaggio floreale e il gagliardetto simbolo del gruppo locale: un gesto che ha voluto sottolineare il legame tra generazioni e nello stesso tempo lanciare un messaggio di speranza per il futuro.

Il rito religioso è stato celebrato da monsignor Alfredo Mozzato e animato dai canti del coro parrocchiale diretto da Bruno Franchin. Nell’omelia il sacerdote ha ricordato il valore della donazione quale “segno di altissima solidarietà che testimonia il vero amore per il prossimo”.

Al termine della cerimonia religiosa Roberta Pilotto ha letto la preghiera del donatore scritta da San Giovanni XXIII e il coro parrocchiale ha concluso con le note dell’Inno del donatore. Poco prima c’è stato il toccante saluto di Lobue salutata dal presidente Biscaro con un omaggio floreale in segno di affetto e gratitudine.

La giornata è proseguita con un momento conviviale nel ristorante da Vittorio a Ca’ Donà.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: la foto di classe

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl