you reporter

LA POLEMICA

Teatro, scontro Bobo-Barbierato

Barbujani vuole i dati ufficiali per capire quanti sono andati al comunale gratis, e chi sono

Teatro, scontro Bobo-Barbierato

Si sono spente le luci della stagione teatrale, adesso si accendono i riflettori sulla gestione degli spettacoli. Ed ecco lo scontro faccia a faccia tra l’ex sindaco Massimo Barbujani e il primo cittadino civico Omar Barbierato.

Bobo fa sapere di aver inoltrato una richiesta di accesso agli atti “per avere i numeri ufficiali della stagione, poi valuteremo il dà farsi”. Prima di tutto Bobo vuole capire quanti sono stati effettivamente i paganti e quelli che sono andati a teatro gratis. “Senza far polemica - afferma – voglio ricordare che la media spettatori dello scorso anno è stata di quasi seicento e non 500 come malamente diffuso alla stampa. Tuttavia desidero sapere quanti spettatori, delle quasi 400 persone medie dichiarate e che hanno frequentato il teatro, hanno pagato un regolare biglietto e se invece vi sono state entrate di favore. Inoltre desidero sapere qual è stato il criterio di assegnazione e a chi, perché ai cittadini che hanno pagato il biglietto piacerebbe conoscere i privilegiati che sono entrati liberamente. Chiediamo quindi di avere copia dei modelli C1 da dove si evincano per ogni ordine il numero di biglietti venduti e omaggio e i relativi importi incassati e anche copia dei contratti stipulati con i complessi”. E ancora: “Non voglio entrare nel merito punto per punto del comunicato diffuso dall’associazione dilettantistica che ha vinto il bando per la gestione del glorioso teatro Comunale, non voglio dire che un calo di spettatori del 30% è in controtendenza rispetto a tutti i teatri limitrofi, al punto che mi è stato riferito che lo spettacolo da record di Adria sia stato subissato dalla vicina Rosolina che ha registrato quasi mille persone per il medesimo spettacolo. Tuttavia evidenzio che lo spettacolo di Paolo Cevoli indicato come eccellenza culturale era stato ospitato nel 2017 dalla vicina Cavarzere”. E aggiunge un spruzzatina di sarcasmo: “Nel periodo delle fake news è facile imbattersi in eventi che da ‘flop’ diventano un ‘grande successo di critica e di pubblico’: succede al teatro Comunale”.

Invece si dichiara soddisfatto il sindaco Omar Barbierato affermando che “la cultura non si quantifica con i numeri”. E aggiunge: “Come amministrazione siamo contenti di come è andata la stagione teatrale curata dall’associazione Tempi&Ritmi che è riuscita a confezionare una stagione importante nei numeri, affrontando diverse criticità tra cui il pochissimo tempo a disposizione dovuto a un errore sul bando, non addebitabile a questa giunta, che ha fatto slittare di ulteriori quindici giorni la programmazione e la mancanza degli abbonamenti del 2018 che Arteven purtroppo, ha scelto di non trasmetterci. Una decisione che non ha permesso di dare continuità alla fidelizzazione degli abbonati storici, importanti per opinioni e feedback per la scelta degli spettacoli delle future rassegne”. Il sindaco riconosce che “c’è stata una diminuzione del numero di abbonamenti, mentre è aumentata la media dei biglietti venduti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: la foto di classe

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl