you reporter

Rigassificatore, si prepara la battaglia sull'Ici

Porto Viro

76679
Un incarico da 17.500 euro a un avvocato modenese è stato affidato dal comune di Porto Viro per portare avanti in commissione tributaria provinciale l’accertamento Ici del 2010 alla piattaforma di rigassificazione di Adriatic Lng, accertamento impugnato dalla società che gestisce il terminale.


E’ questo che ha dovuto deliberare il commissario prefettizio di Porto Viro, sulla scorta dell’accertamento d’ufficio per “omessa dichiarazione Ici” notificato nel dicembre scorso. Tutto era scattato, però, da quando l’ex sindaco Thomas Giacon, il 5 maggio 2016, aveva inviato una lettera ad Adriatic Lng chiedendo alla società di comunicare i dati relativi al valore immobiliare della piattaforma nel 2009, per poter calcolare l’Imu dovuta per l’anno 2010.





In ballo c'è una cifra enorme. Intanto, il motivo del contendere è comunque limitato a 3,6 milioni di euro. Dal canto suo

Adriatic Lng fa sapere di “rigettare la pretesa del comune di Porto Viro la quale causa un grave pregiudizio alla società e ribadisce che l’assoggettabilità a Ici dei manufatti nei siti nel mare territoriale è in contrasto, tra l’altro, con più motivi di ordine giuridico”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl