you reporter

Rigassificatore e Imu: il Senato mette la parola fine ai dubbi

Adriatic LNG

Adriatic LNG_Il Terminale 1.jpg

Il rigassificatore di Porto Viro

Non ci sarà lo stop al pagamento dell’Imu per i rigassificatori, la precisazione è doverosa, ma la cifra sarà di gran lunga inferiore rispetto a quella che qualcuno... immaginava.


Adriatic Lng interviene su una questione economica molto importante: “Con riferimento alle notizie apparse su alcuni media, si precisa che nell’emendamento alla legge di Bilancio in discussione al Senato non vi è alcun riferimento a esenzione dell’Imu, ma la precisazione di ciò che è assoggettabile alla tassa”.


“L’emendamento, con riferimento ai manufatti ubicati in mare e destinati all’esercizio dell’attività di rigassificazione del gas naturale liquefatto, dispone che rientri nella nozione di fabbricato assoggettabile ad imposizione la sola porzione del manufatto destinato a uso abitativo e di servizi civili”. Tradotto: l’Imu verrà pagata non sull’intero manufatto, come chiedevano alcuni sindaci, ma solamente sulla parte abitativa, vale a dire gli alloggiamenti, le cucine, le sale riunioni...


E’ evidente che la cifra che ne verrà fuori sarà inferiore rispetto a quella preventivata a suo tempo ad esempio dall’ex sindaco Giacon, ma pur sempre di più rispetto all’esenzione di cui i manufatti godevano fino ad oggi.


L’emendamento, che mette fine ad una discussione piuttosto accesa, è stato approvato in Commissione al Senato, passerà ora al vaglio dell’Aula e poi - se approvato - entrerà nel testo che dovrà essere votato dalla Camera entro la fine dell’anno,

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl