you reporter

Melara

Prostituzione nel pub: polesano finisce nei guai

Il 63enne di Melara è stato accusato di sfruttamento della prostituzione

Prostituzione nel pub: polesano accusato di sfruttamento

Sfruttamento della prostituzione, questa è l'accusa con la quale Albino Rossi, 63 anni di Melara, assieme a Gianni Molesini, 48 anni di Sermide, in provincia di Mantova, è finito a processo. In violazione alla la legge Merlin, consentivano all’interno del loro locale l’esercizio della prostituzione.

Secondo l’accusa avrebbero anche reclutato donne in grado di garantire l’illecita attività che si sarebbe svolta dall'estate del 2014 fino all'8 novembre dello stesso anno. Lunedì mattina si è tenuta la prima udienza, nel corso della quale sono state introdotte le prove e individuati i testimoni.

Nell'anno precedente, il locale fu al centro di un servizio delle Iene nel corso del quale una testimone ammetteva che la gestione del privé comprendeva anche prestazioni sessuali. Nemmeno un anno dopo scattò il blitz dei carabinieri nel pub. Durante il controllo nel locale furono trovati clienti in atteggiamenti espliciti.

Da qui la denuncia per favoreggiamento a Gianni Molesini e Albino Rossi. Il polesano risultò anche coinvolto nella gestione dell’ex Titanic di Pomponesco, locale dove si esercitava la lap dance senza autorizzazioni. Rossi, che faceva parte del consiglio direttivo, fu condannato a pagare una multa.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl