you reporter

Badia Polesine

"Vivere la storia per evitarne le atrocità"

Il prefetto De Luca nella giornata del Ricordo si è rivolta agli studenti durante la cerimonia davanti a via Martiri delle Foibe

Anche Badia Polesine celebra la Giornata del Ricordo. Nella mattinata di domenica 10 febbraio le autorità, il prefetto di Rovigo Maddalena De Luca, i rappresentanti d’Arma, le associazioni combattentistiche e i ragazzi delle scuole medie “Ghirardini”, si sono incontrati in via Martiri delle Foibe per commemorare le vittime uccise dal regime jugoslavo al termine della Seconda guerra mondiale.

Così come ogni anno, anche in questo 10 febbraio si è deciso di ricordare l’esodo di migliaia di connazionali che, alla fine della Seconda guerra mondiale e nel corso del secondo Dopoguerra, sono dovuti scappare dall’Istria, dalla Dalmazia e dalla Venezia Giulia, e tutti coloro i quali sono stati violentemente uccisi nelle foibe. La commemorazione si è aperta con le parole del sindaco Giovanni Rossi. “Oggi celebriamo la Giornata del Ricordo, ma qualche giorno fa abbiamo celebrato quella della Memoria - ha detto il primo cittadino - memoria e ricordo sono sostanzialmente due sinonimi e sono le esperienze passate che ci devono servire affinché nel futuro non si ripetano certi episodi. Vorrei ‘legare’ queste due giornate per il significato che hanno – ha aggiunto Rossi rivolgendosi ai ragazzi presenti - quello di permettere a noi ma soprattutto a voi che questi eventi non si ripetano più”.

“E’ attraverso di voi che si può perpetrare la memoria – le parole del Prefetto agli studenti – oggi è il momento di dare voce a quello che è successo dopo la Seconda guerra mondiale per delle persone che come unica colpa avevano quella di essere italiani. Siate curiosi, approfondite sempre ma soprattutto vivete la storia, perché è attraverso lo studio di quello che è avvenuto nel passato che possiamo evitare che le atrocità che ci sono state si possano ripetere”. Dopo un momento di raccoglimento e la deposizione di una corona di fiori sulla lapide dedicata ai caduti durante il regime di Tito, la commemorazione è terminata con la lettura di alcuni messaggi da parte degli alunni arrivati in rappresentanza di ogni classe della terza media.  Prima della cerimonia, invece, gli esponenti della giunta comunale hanno accompagnato De Luca a visitare alcune delle bellezze badiesi, tra le quali l’abbazia della Vangadizza e la sede del Sodalizio Vangadiciense.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl