you reporter

Il caso

“Dal sindaco Tommasi vogliamo trasparenza”

Pierfrancesco Munari (Lega) sulla vicenda della casa Ater: “Il sindaco che il cambio di residenza non ha portato alcun vantaggio a sua moglie, ma non è così”.

“Dal sindaco Tommasi vogliamo trasparenza”

Gli alloggi Ater in via Circonvallazione a Cavarzere

“Ognuno può spostare la propria residenza dove meglio crede, ma se vengono coinvolti il sindaco di una città, gli alloggi popolari e si riscontra che sia stato fatto per un qualsiasi vantaggio, lo stesso primo cittadino dovrebbe avere almeno la decenza di dimettersi”. Pierfrancesco Munari, capogruppo della Lega Nord, interviene sulla vicenda che ha visto Henri Tommasi, sindaco di Cavarzere, dare spiegazioni riguardo al cambio di residenza che la moglie Sara Milani, sposata nel 2015, ha fatto successivamente ritornando nella casa del proprio padre, un alloggio popolare gestito dall’Ater in via Circonvallazione.

“Tommasi dice che questi meccanismi non abbiano portato alcun vantaggio a lui o alla propria moglie - riprende Munari - ma il fatto che il padre della stessa abbia chiesto il riscatto della casa Ater, così come spiegato dal sindaco, e che dopo il matrimonio sia tornata a casa del genitore, non avrebbe alcun senso se non per succedere, nel riscatto della casa, qualora dovesse perdere il proprio caro”. “Il fatto che poi non intenda dare spiegazioni motivandole come ‘personali’ non è accettabile - rincara la dose Munari - poiché come sindaco dovrebbe agire e parlare nella più completa trasparenza ai suoi cittadini, specie in un tema così delicato come quello degli alloggi popolari. Non è un cittadino qualunque e dovrebbe dare sempre il buon esempio”.

Dispiace infine che l’amministrazione comunale abbia cassato la task force che avevamo proposto come minoranza per controllare gli alloggi popolari per capire se c’è qualche furbetto che ne approfitti - conclude Munari - ma del resto se venisse riscontrato che i normali controlli per le residenze non sono stati fatti in modo adeguato, i responsabili ne pagheranno le conseguenze. Anche se non sarebbe certo una novità, visto quanto successe pochi anni fa quando scoppiò il caso dei cittadini cinesi con residenze fittizie a Cavarzere, scoperto dalla Guardia di finanza”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl