you reporter

Cavarzere

Il pericolo della truffa è in rosa

Due ragazze si spacciano per agenti Enel

Il pericolo della truffa è in rosa

Pericolo truffe a Cavarzere. Tra ieri e l’altro giorno sono arrivate diverse segnalazioni di due ragazze che suonano il campanello casa per casa spacciandosi per agenti dell’Enel e chiedendo di visionare l’ultima bolletta.

Partendo dal presupposto che Enel stessa in più occasioni ha spiegato che lei non manda agenti porta a porta, ma chiama direttamente l’interessato o manda lettere per avvisare i propri clienti, per cui è chiaro che tutto questo per le persone è un po’ strano e soprattutto sospettoso. Infatti lo stratagemma della bolletta è usato per visionare facilmente dalle “false” agenti il codice di migrazione ed intestare alla persona un contratto senza che lei possa dire nulla, anche se c’è diritto di rescissione del contratto stesso.

Sono già diverse le persone a cui è stato chiesto ed in buona parte dei casi è capitato che non sono state prese in considerazione le motivazioni di queste due agenti, ma è chiaro che in caso di persone anziane che non hanno particolare esperienza e che spesso sono prese alla sprovvista, capita che firmano magari fidandosi delle persone che hanno davanti, senza pensarci troppo, rischiando di trovarsi con delle somme di denaro da pagare, che non avrebbero mai pensato.

La stessa situazione qualche mese fa era già accaduta a San Martino di Venezze ed a Pettorazza, ma anche in quel caso si è riusciti a prevenire le possibili truffe a persone del posto. I carabinieri per ora non sono stati allertati, ma è consigliabile neanche prendere in considerazione queste ragazze, che cercano di sfruttare l’ingenuità delle persone a loro favore.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl