you reporter

Cavarzere

Pd, “sì” alla fusione... con calma

“Cavarzere e Cona sembrano simili ma hanno tante differenze al loro interno: ci vuol calma”

Pd, “sì” alla fusione... con calma

Continuano i commenti e le considerazioni sul tema della fusione tra i comuni di Cavarzere e Cona. A parlare è il segretario del partito che sta guidando l’amministrazione comunale di Cavarzere, Sabrina Perazzolo del Pd.

“Il Partito Democratico è pienamente favorevole a questa fusione, sarebbe un bene per questa città” le parole della Perazzolo, che ricopre anche il ruolo di presidente del consiglio. “Quello che tengo a precisare è che è giusto dare la giusta informazione al cittadino, cercare che esso sia informato sui pro e sui contro che questo passo porterebbe portare a tutta la città - precisa Perazzolo -infatti penso che con una sola conferenza non sia stato possibile aver istruito al meglio la popolazione di due paesi su quello che è un concetto così ampio e difficile da comprendere tutto in una volta”.

Quindi bisogna iniziare un percorso formativo di tutti i cittadini che porti successivamente al referendum nel quale ognuno sarà consapevole di quello che andrà a votare, conoscendo quali saranno i cambiamenti - aggiunge Perazzolo - per cui non sono favorevole al fatto che si voglia accelerare troppo questa procedura perché potrebbe portare a la poca consapevolezza di quello che sta per succedere e soprattutto sarebbe una mancanza di rispetto del cittadino che non sarebbe avvisato per tempo su quello che sta succedendo”.

Ricordiamoci che noi partiti siamo da tramite per i cittadini e non dobbiamo decidere per loro, ma cercare di dare i mezzi per capire al meglio questo tipo di cambiamento - conclude il segretario del Pd - stiamo cercando di fondere due comuni che sembrano simili, ma hanno tante differenze al loro interno, per cui è una matassa che deve essere sbrogliata con la giusta calma”.

Insomma, il Partito Democratico cavarzerano, pur favorevole a questa unione tra Cavarzere e Cona, prende tempo, come del resto aveva già sottolineato il sindaco Henri Tommasi durante l’incontro a palazzo Danielato.

In più occasioni era stata espressa la volontà di velocizzare l’iter, soprattutto dopo che la minoranza, compatta, ha protocollato un ordine nel giorno con il quale vuole impegnare l’amministrazione comunale ad avviare le pratiche per arrivare quanto prima alla fusione.

L’ordine del giorno è proprio ora sul tavolo della presidente del consiglio Perazzolo. La richiesta è urgente, il consiglio su questo tema si potrebbe tenere anche entro la fine del mese. Ora la palla è tra i piedi della maggioranza.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl