you reporter

Porto di Pila, mozione bocciata

Pesca

pila.jpg
“La Regione ha mostrato ancora una volta il disinteresse totale per il Polesine. La decisione di imporre con protervia un voto contrario nonostante la disponibilità a modificare il testo della mozione è vergognosa”. Graziano Azzalin, consigliere regionale del Pd commenta la bocciatura della mozione relativa all’ampliamento del porto di Pila da parte della maggioranza, dopo una sospensione dei lavori per arrivare a un testo condiviso.



I voti favorevoli, infatti, sono stati 17 (Pd, Lista Amp, Veneto Civico, Cinque stelle, Liberi e uguali, Veneto del fare e Apv), i contrari 28 e un astenuto. “Continuano a nascondersi, mettere nero su bianco gli impegni impedirebbe di continuare a rinviare facendo invece promesse su promesse. È un insulto non solo ai pescatori, che sono venuti a Venezia appena una settimana fa, ma a un intero territorio, che per la Regione si conferma di serie B. Chiedevamo un impegno politico per arrivare a un progetto che risolvesse in via definitiva un problema grave riguardante non solo il Polesine e che ha ripercussioni su tutta l’economia veneta”.




Sulla delicata questione, interviene in tackle scivolato pure il consigliere grillino Patrizia Bartelle: “Non c’è rispetto del territorio e dei pescatori. Un punto all’ordine del giorno che non ha avuto il voto favorevole della maggioranza: promettono interesse, Zaia e company, ma quando è il momento di stabilire una priorità politica, in Consiglio regionale votano contro”.

Tutti i dettagli sulla Voce in edicola il 28 marzo

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl