you reporter

Il caso

Rosolina, dipendenti del Comune sul piede di guerra

Rosolina, dipendenti del Comune sul piede di guerra: “Queste convenzioni aumenteranno i costi”

Rosolina, dipendenti del Comune sul piede di guerra

I dipendenti del comune di Rosolina, rappresentati da Leano Lunardi, Oliviero Ferro, Andrea Vianello e Ranieri Boscolo Cegion, unitamente alle segreterie provinciali Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, con Paolo Zanini, Francesco Malin e Cristina Garbin, si sono riuniti in assemblea in merito alle ipotizzate convenzioni dei settori urbanistica (con Porto Viro) e lavori pubblici (con Porto Tolle).

Hanno manifestato l'importanza degli uffici tecnici per Rosolina, nonché la dotazione organica e le professionalità presenti, “risultano incomprensibili le convenzioni che assegnano il ruolo di comuni capofila a Porto Viro e Porto Tolle, lasciando un ruolo soltanto marginale e periferico a Rosolina, che non avrebbe più la presenza quotidiana dei responsabili in municipio”.

I dipendenti sottolineano: “Le convenzioni dovrebbero avere come scopo un risparmio economico, ma per Rosolina comporteranno un aumento di costi, pari a circa 50mila euro annui per pagare metà stipendio ai due responsabili esterni, più altri costi di gestione. Così facendo, Rosolina fa beneficenza a favore dei comuni limitrofi, venendo depauperato e compromettendo future assunzioni di personale, come gli indispensabili operai manutentori e agenti di polizia”.

Il servizio sulla Voce dell'8 aprile 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl