you reporter

Ricette

Fugassa dolce di Pasqua, la ricetta tipica del Veneto

Non si tratta di una ricetta semplicissima, e neppure veloce da realizzare, ma il risultato che otterrete varrà la pena di tutta la pazienza che metterete nella sua preparazione.

Fugassa dolce di Pasqua, la ricetta tipica del Veneto

In Veneto è Pasqua solo se in tavola c’è la fugassa, la “focaccia”. Si può considerare un pane dolce pasquale, arricchito da vari ingredienti, come farina, zucchero, lievito ed uova.

La fugassa veneta era originariamente il dolce dei poveri che, in occasione delle feste, lo arricchivano con uova, burro e zucchero. Sembra che questo pane dolce sia stato creato da un fornaio trevigiano in occasione della Pasqua, un dolce soffice e leggero che regalava ai propri clienti. La sofficità della focaccia veneta è data dalle diverse lievitazioni, che variano da 3 a 4, ogni città veneta applica poi alla ricetta delle varianti: ad esempio l'aggiunta del marsala al posto delle scorza di agrumi. Un tempo la fugassa era il dolce che si preparava in occasione dei fidanzamenti e veniva donata alla famiglia della futura sposa con all'interno l'anello di fidanzamento.

Non si tratta di una ricetta semplicissima, e neppure veloce da realizzare, ma il risultato che otterrete varrà la pena di tutta la pazienza che metterete nella sua preparazione.

Ingredienti:

• 250 gr di farina 00

• 250 gr di farina manitoba

• 70 ml di latte tiepido

• 4 uova intere medie a temperatura ambiente

• 20 gr di lievito di birra fresco

• 150 gr di zucchero

• 100 gr di burro temperatura ambiente

• 1 presa di sale

• 5 cucchiai di aroma spumadoro oppure buccia di arancia e limone grattugiata


Per glassare:

• latte

• burro

• 2 cucchiai di zucchero zucchero in granella

• oppure
• 1 albume

• 2 cucchiai di zucchero zucchero in granella

• Mandorle



Procedimento:

Per il lievitino:

1. In un recipiente di vetro sciogliete il lievito di birra nel latte tiepido, con 20 grammi di zucchero e 100 grammi delle farina che avrete mischiato. Formate la pastella coprite con della pellicola e lasciate riposare, fino al raddoppio (circa 1 ora).

Primo impasto:

1. Nel recipiente della planetaria, unire 200 grammi di farina, 2 uova e 80 grammi di zucchero. Aggiungete il lievitino e cominciate a lavorare il tutto con il gancio fino a che l'impasto inizia ad incordare.
2. Unite 50 grammi di burro morbido a piccoli pezzetti e continua a lavorare per circa 30 minuti, finché l'impasto sarà molto morbido e liscio.
3. Formate una palla con l'impasto e mettete a riposare coperto, al caldo, finché non sarà raddoppiato (circa 1 ora 1 ora e 1/2).


Secondo impasto:

1. Sempre nella planetaria, aggiungete la restante farina (200g ), 50 grammi di zucchero e le 2 uova, il sale e gli aromi.
2. Aggiungete l'impasto lievitato e cominciate a lavorare un'altra volta con il gancio finché sarà bello liscio, e unite gli altri 50 grammi di burro morbido a pezzetti.
3. Continuate a lavorare finché l'impasto sarà bello liscio, molto morbido ed elastico ma non appiccicoso. Ci vorrà un po' più di tempo, anche 45 minuti. L'impasto sarà pronto quando si staccherà in un unico blocco.
4. Quindi rimettetelo a riposare, coperto con la pellicola, finché sarà raddoppiato. Io anche tutta la notte a temperatura ambiente (circa 20°C).

Finale:

1. Sgonfiare l'impasto, formate una palla e mettetela nell'apposito stampo e lasciate ancora a lievitare in un posto caldo, coperto, circa 2 ore. L'impasto dovrà arrivare al bordo dello stampo. Lasciate l'impsto scoperto per 10-15 minuti in modo che si formi una leggera pellicola e con una lametta praticare un taglio a croce.
2. Spennellate il dolce con la "glassa": per la versione più semplice, che io preferisco, spennellate con un po' di latte e mettete qualche pezzetto di burro poi cospargete con lo zucchero in granella o semolato. Per la versione più ricca montate a neve l'albume con lo zucchero, spennellate la superficie del dolce e cospargete di zucchero in granella e mandorle.
3. Mettete in forno caldo a 170°C su una placca, a griglia possibilmente, e appena la focaccia si colorerà sopra (dopo circa 15 minuti) coprite con un foglio di carta alluminio e portate a cottura finale, circa 45-50 minuti.
4. Una volta fredda puoi conservata per qualche giorno dentro ad un sacchetto di plastica per alimenti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl