you reporter

Cucina

Fragola: il frutto dei record

Con i primi raggi di sole il pensiero va subito alla frutta, a quella coloratissima tipica della bella stagione, e ad aprire le danze delle macedonie tipicamente primaverile ci sono loro, le più amate in assoluto: le fragole.

Fragola: il frutto dei record

Con i primi raggi di sole il pensiero va subito alla frutta, a quella coloratissima tipica della bella stagione, e ad aprire le danze delle macedonie tipicamente primaverile ci sono loro, le più amate in assoluto: le fragole.

Questo frutto è un concentrato di proprietà curative, sono state infatti inserite tra i super cibi che mantengono giovani, nella speciale classifica ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity) stilata dall'USDA (il dipartimento dell'agricoltura statunitense), per il contenuto record in sostanze antiossidanti benefiche per la salute.

 

Storia:

La fragola era già nota ai Romani che la consumavano, tra l’altro, in occasione delle feste in onore di Adone. Secondo il mito, infatti, le lacrime della dea Venere cadute sulla terra dopo la sua morte si sarebbero trasformate  in cuori rossi dando origine, appunto, in questi frutti.

La tradizione medievale, invece, vede nella fragola un simbolo di tentazione e ancora oggi, del resto, ne è talvolta simbolo. Fino al XVI secolo le fragole non erano oggetto di grande considerazione. Poi alcuni iniziarono ad attribuire loro doti terapeutiche: secondo  un alchimista tedesco, tale Crollius, il frutto poteva curare la lebbra perché simile nell'aspetto al sintomo della malattia; per Della Porta (filosofo e alchimista italiano) era invece un rimedio per le ferite perché di colore rosso come il sangue. Più vanitoso l’uso che ne faceva, tra Settecento e Ottocento, Madame Tallien che ne usava dieci chili alla volta per fare il bagno e mantenere una bella pelle. Le fragole che coltiviamo oggi sono il risultato dell’incrocio tra la varietà europea e quella sudamericana

 

Proprietà e benefici:

Le fragole aiutano il metabolismo e sono preziose per la bellezza, perché sono fatte per il 90% di acqua; per questo idratano le cellule dell'organismo senza appesantirlo con troppe calorie. Le fragole sono anche ricche di enzimi capaci di attivare il metabolismo dei grassi aiutando il corpo a dimagrire con meno fatica. Sono anche ricche di fibre che aumentano il senso di sazietà, regolarizzano l'intestino e fanno assorbire meno grassi e meno zuccheri. Il contenuto di vitamina C delle fragole ( cinque fragole contengono una quantità di vitamina C pari a quella di un'aranciafavorisce l'assorbimento del ferro, utile per la formazione dei globuli rossi e per i muscoli, e la produzione di collagene, una proteina che previene le rughe e rafforza i capillari riducendo ritenzione idrica e cellulite. Questa azione anti-ritenzione viene potenziata dal potassio, un minerale di cui le fragole sono ricche. Questi frutti contengono xilitolo, una sostanza dolce che previene la formazione della placca dentale e uccide i germi responsabili dell'alitosi. Sono antiossidanti e mantengono giovani, e alcune ricerche hanno dimostrato che, grazie al loro contenuto di acido folico, sono utili per il mantenimento della memoria.

 

In orto:

Le fragole necessitano un’esposizione in pieno sole ed un terreno sabbioso, limoso e ricco di sostanze organiche con un Ph ottimale che può variare da 5,5 a 6,5. Ma riescono a crescere anche in altri tipi di terreno purché vi sia un buon drenaggio. Il terreno va lavorato prima di piantare le fragole, liberandolo dalle erbacce e aggiungendo un buon compost organico, magari fatto in casa. Le piante di fragole richiedono annaffiature regolari, da intensificare nei periodi particolarmente caldi e secchi. L’ideale sarebbe innaffiare di mattino presto per consentire un’evaporazione costante dell’acqua in eccesso ed il mantenimento del substrato al giusto livello d’umidità.

 

In cucina:

Le preparazioni culinarie per gustare le fragole sono molteplici. Prima di consumarle, occorre sciacquarle velocemente sotto l’acqua corrente. Si possono gustare fresche al naturale, solo con l’aggiunta di limone oppure con panna e cioccolato per un’alternativa golosa. Sono ingredienti ideali per frullati, frappè smoothies e macedonie oppure per realizzare marmellate, gelatine, sciroppi e gelati. Oltre ai numerosi dessert per cui si presta, la fragola può essere adoperata anche nella preparazione di risotti, come ingrediente per insalate o per un contorno profumato. Facilmente deperibili, è meglio conservarle in frigo e consumarle in 2-3 giorni.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl