you reporter

Palazzo Celio

Provincia, stop al bilancio

Forse era nell'aria, ma pone comunque qualche interrogativo lo stop che l'assemblea dei sindaci ha imposto al bilancio della Provincia. Anche perché in controluce ci si possono leggere scontri fra sindaci e battaglie sul Consvipo. 

Provincia, stop al bilancio

L'assemblea dei primi cittadini, infatti, ha dato pollice verso, ieri pomeriggio, al bilancio di previsione di palazzo Celio. Dal punto di vista pratico cambia poco, perché il 16 aprile il consiglio provinciale si riunirà nuovamente, e in quell'occasione per la manovra finanziaria 2018 basterà l'ok dei consiglieri provinciali, cosa che era già avvenuta ieri mattina. Il primo passaggio, però, quello di ieri, prevedeva anche il parere dell'assemblea dei 50 sindaci polesani. Ieri a palazzo Celio se ne sono presentati solo 26. E si sono astenuti, facendo così mancare i voti per il via libera, cinque sindaci, o assessori, dei Comuni di Rovigo, Crespino, Trecenta, Ficarolo e Gavello. 

L'assessore Garbo di Rovigo ha detto che l'astensione era una protesta contro la riforma delle Province. Il dato politico, però è che alla maggioranza che regge palazzo Celio sono mancati i numeri. E a far rumore è stata l'assenza in aula del Comune di Porto Tolle. Che qualcuno ha collegato alle dure parole del presidente Trombini nei confronti di Angelo Zanellato, presidente del Consvipo e da sempre politicamente vicino al sindaco di Porto Tolle. "Era atteso - ha commentato il presidente Trombini - ma è la dimostrazione di come spesso fra i sindaci ci sia disinteresse. Eppure molti di loro sono sempre pronti a chiedere questo o quell'intervento".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl