you reporter

Degrado

La pista ciclabile è rimasta al buio

Da alcuni giorni i lampioni sul percorso protetto verso Boara non funzionano.

La pista ciclabile è rimasta al buio

Pedalare sotto le stelle. Suggestivo, forse. Ma di sicuro pericoloso. Eppure è quello che devono fare, da un po’ di giorni, i residenti di Boara Polesine. Perché i lampioni della ciclabile, da un po’ di tempo a questa parte, non funzionano.

Stiamo parlando della pista riservata ai ciclisti che dalla stazione dei treni raggiunge la frazione a nord della città, passando vicino al Censer. Una pista frequentata quotidianamente da centinaia di persone, che la utilizzano per i loro spostamenti verso il centro città. Ma anche da molti pendolari, residenti nella zona, che la utilizzano per andare a prendere il pullman o il treno per recarsi nei luoghi di studio o di lavoro, per non parlare degli allievi del Cur, che la utilizzano per raggiungere la sede dell’università.

Eppure, in molti, negli ultimi giorni, hanno segnalato un problema non di poco conto. La ciclabile, infatti, da diverse sere è al buio, almeno nel suo tratto terminale, quello che corre lungo il Censer, è completamente al buio.

I lampioni, infatti, non funzionano. E la pista ciclabile, dunque, è completamente scura. Non certo il massimo per chi la percorre, anche per una questione di sicurezza. Del resto, la ciclabile che parte dalla stazione dei treni è nota per essere stata teatro di episodi di microcriminalità oltre che per fenomeni di degrado.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl