you reporter

La ricorrenza

25 aprile, parata e alte uniformi in piazza

Le istituzioni hanno ricordato il valore della Liberazione

Festa della Liberazione in piazza Vittorio Emanuele. Le massime autorità cittadine schierate in prima linea durante l’alza bandiera,  militari in alta uniforme e tanti cittadini che hanno assistito alla deposizione delle corone d’alloro nella giornata dedicata alla Liberazione d’Italia. Mercoledì mattina, numerose le iniziative organizzate in tutto il Polesine per ricordare un momento storico, quando le truppe alleate angloamericane, con il contributo della Resistenza partigiana, riuscirono ad allontanare le forze di occupazione nazista. Una data fondamentale per la Repubblica italiana, ricca di significato, così come sottolineato a Palazzo Celio dal presidente della Provincia Marco Trombini, in occasione della convocazione congiunta del consiglio provinciale e comunale. Interventi in aula anche del sindaco di Rovigo Massimo Bergamin.


“Ogni giorno tutti noi dobbiamo difendere la libertà e ricordare quanti sacrifici ci è costata. Da questa aula – ha spiegato Trombini– iniziò la sua azione politica Giacomo Matteotti, un percorso che lo porterà al pronunciamento contro l’intervento nella guerra del 1915-18". 

Il sindaco Bergamin ha ricordato che "La storia che oggi ricordiamo ci racconta scelte politiche che hanno visto, in molti casi, il sacrificio della vita stessa. E’ con umiltà e profonda gratitudine che, in giorni come questi, l’esercizio da fare è riflettere su chi, prima di noi, ha compiuto scelte che sono andate oltre la loro stessa vita per consegnarci un'Italia autonoma e indipendente".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl