you reporter

Caso Baldetti

Padova Nuoto potrebbe essere la pedina mancante

Il soggetto terzo che rileva Veneto Nuoto, pedina fondamentale per chiudere il caso milionario del polo Natatorio, potrebbe essere Padova Nuoto. La società che gestisce la piscina parrebbe interessata a rilevare le quote di Veneto Nuoto e a subentrare nei rapporti con il Comune. Una questione da circa 8 milioni di euro, che pesa anche sulle casse del Comune.

116483

La svolta che Comune e Veneto Nuoto stavano aspettando per dare una svolta al caso Baldetti potrebbe arrivare a giorni. 

Padova Nuoto, infatti, ha chiesto tutto l'incartamento per studiare la posizione di Veneto Nuoto. Pare infatti interessata a rilevare le quote della società che ha costruito il polo natatorio di Rovigo e che ora è coinvolta in un complicato rapporto di crediti e debiti con il Comune di Rovigo, per il project financing. Una situazione che pesa sulle casse comunali per circa 8 milioni di euro.

Il Comune, con il sindaco Massimo Bergamin, l'avvocato civico Ferruccio Lembo e la Ragioneria di Palazzo Nodari da mesi stanno lavorando per trovare una soluzione al "caso Baldetti", che parte da un project financing stilato nel 2006, che contiene una clausola capestro per il Comune, ovvero la surroga a Veneto Nuoto nel caso di mancato pagamento delle rate del mutuo a Unipol. 

In questo caso, poi, si innesta anche un debito presunto del Comune nei confronti di Veneto Nuoto, per la mancata consegna nei tempi dell'area ex Baldetti. Un lodo da 1,4 milioni di euro. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl