you reporter

Rosolina

Piccoli fan del Delta crescono

Vivaci, attenti, intrepidi. Gli alunni della scuola elementare Sichirollo alla scoperta di Porto Caleri, e il Po di Maistra. Una gita indimenticabile!

Piccoli fan del Delta crescono

Sono partiti di primo mattino da Rovigo alla scoperta del magico Delta. E alla fine della giornata, incantati dai racconti e dai profumi incontrati, avrebbero voluto saperne ancora di più. E’ stato un successo l’escursione di oggi 17 maggio delle classi della primaria Sichirollo, di Rovigo. Il progetto che porta gli alunni sin dalla tenera età a esplorare il mondo e le sue bellezze, specie il Polesine, parte del programma didattico della scuola diretta da Patrizia Granata, in questo caso ha incontrato “Attivamente”, il ciclo di attività finanziate dalla Fondazione Cariparo.

I bimbi si sono dati appuntamento al giardino botanico litoraneo di Porto Caleri, con una guida naturalistica ambientale del Delta del Po, Elisabeth Merli, di Ariano Polesine, che lavora per la società “Cose del Po”.

Sorpresi dai temporali di ieri mattina, dentro l’oasi di Porto Caleri, i bambini muniti di ombrellini e k-way non si sono certo scoraggiati. “A Porto Caleri abbiamo visto il giardino botanico istituito nel 1991 allo scopo di proteggere e conservare un ambiente unico nell’Adriatico - ha raccontato Elisabeth - la passeggiata ti porta a scoprire i vari ambienti dalle dune fossili alla spiaggia.

I bambini sono stati bravissimi hanno camminato per un chilometro e mezzo. Abbiamo rinunciato al pranzo in spiaggia per via del brutto tempo, ma tutti cantavano divertiti”.

Dopo il pranzo a Porto Caleri il gruppo si è spostato a Pila, il piccolo villaggio di pescatori. Qui si sono imbarcati e hanno imboccato una parte del Po di Pila, in particolare la Busa Dritta, fino al Faro di Punta Maistra, fino alla foce. Poi il gruppo è tornato indietro, navigando lungo la Busa di Tramontana, dove i bimbi hanno potuto apprezzare l’isola della Batteria una riserva, un’isola che un tempo era emersa ma che a causa della subsidenza è in parte rimasta sommersa, con i vecchi magazzini che ora “galleggiano” in mezzo all’acqua.

“In questo modo abbiamo spiegato in maniera leggera ai piccoli cos’è il fenomeno della subsidenza”.

I racconti non sono bastati ai piccoli escursionisti che volevano saperne sempre di più. Ma alle 14,30 era ora di tornare a casa, e di raccontare ai genitori quanto è bello il Delta del Po.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl