you reporter

Il lutto

Grignano piange Gimmi Cavallaro

E' scomparso a soli 43 anni, dopo aver lottato un anno e mezzo contro un male incurabile

Grignano piange Gimmi Cavallaro

Ha combattuto come un leone, fino all’ultimo, ma purtroppo non è bastato.

Un male incurabile se l’è portato via a 43 anni, nel pieno della vita, ma chi ha avuto la fortuna di conoscerlo non dimenticherà il suo sorriso. La sua scomparsa ha lasciato un vuoto incolmabile nella comunità di Grignano.

La frazione alle porte di Rovigo piange Gimmi Cavallaro, stroncato da una malattia incurabile, padre di famiglia e conosciutissimo in paese.

Nonostante il terribile momento che sta attraversando, la moglie Katiuscia Schiesaro riesce a tracciare un bellissimo e commovente ricordo del compagno di vita, con parole speciali, che fanno venire i brividi: “Gimmi è stato un ragazzo meraviglioso, in tutti in sensi. Difficilmente si arrabbiava, lui è riuscito a farsi volere bene da tutti, con la sua simpatia e grinta in ogni cosa che faceva. Quando è venuto ad abitare a Grignano, undici anni fa, ha saputo farsi apprezzare da tutti per i suoi modi, gentile e cordiale con i compaesani, dal più giovane al più anziano. Per la sua famiglia era il perno, la figlia Nina la adorava, grazie a lui abbiamo creato veramente una bella famiglia”.

I funerali si terranno venerdì pomeriggio nella chiesa della frazione di Grignano Polesine alle 15.45.  

Originario di Vescovana, gli sportivi lo ricordano per i campionati giovanili svolti in terra padovana. Ex calciatore di Stanghella, di Lapecer, Turchese e Polesella, Santa Sofia, di ruolo centrocampista centrale, ha condiviso con i compagni anni gloriosi nel calcio polesano.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl