you reporter

Agricoltura

Qui nessuno vuole più raccogliere la frutta: mancano 300 addetti

L'allarme della Confagricoltura polesana: non si trovano operai per i frutteti.

Qui nessuno vuole più raccogliere la frutta: mancano 300 addetti

Servono 300 operai agricoli per raccogliere la frutta in Polesine. E - a quanto pare - nella nostra provincia si fa fatica a trovare manodopera intenzionata a svolgere questa mansione.

Le aziende frutticole di Confagricoltura Rovigo, in particolare, fanno sapere di non trovare personale da destinare alla raccolta della frutta. L’attività inizierà nei prossimi mesi di agosto e settembre, ma già in questi giorni molti agricoltori hanno manifestato difficoltà nel reperire operai disponibili ad essere assunti secondo il contratto nazionale degli operai agricoli per le fasi di raccolta delle pere e mele per le proprie aziende operanti nel territorio provinciale.

Da una verifica degli uffici di Confagricoltura Rovigo le imprese associate necessitano di circa 300 operai da adibire a questa mansione.

Prima di andare a reperire personale da fuori provincia o appartenenti a società o cooperative di servizio che a volte possono creare problemi in ordine all’applicazione corretta delle norme vigenti, gli stessi imprenditori pensano “si debba offrire alle persone che vivono nel nostro territorio un’opportunità economica per un periodo di tempo determinato”.

Confagricoltura Rovigo invita chi fosse interessato a rivolgersi direttamente alle aziende agricole operanti sul territorio: qualora fossero proposte assunzioni da parte di società o cooperative di servizio, si consiglia di prendere informazioni all’Inps e alla Camera di Commercio sulla serietà delle stesse.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl