you reporter

Settore primario

Cimice asiatica, anno disastroso

In fumo il 30% dei raccolti di frutta. Confagricoltura chiede aiuto alla Regione, che studia (anche) l'immissione di un insetto predatore.

Cimice asiatica, anno disastroso

 Confagricoltura ha incontrato, a Venezia, l’assessore all’agricoltura Giuseppe Pan per chiedere un sostegno sul problema della cimice asiatica, diventato il nemico numero uno dei frutticoltori e che quest’anno ha prodotto danni enormi e perdite di prodotto.

Il presidente regionale Lodovico Giustiniani e il presidente regionale dei frutticoltori Andrea Foroni hanno tracciato la panoramica di un’annata disastrosa. In tutte le province venete l’insetto, arrivato qualche anno fa dall’Asia, ha devastato in particolare pesche, albicocche, pere e mele, e ora sta iniziando a pungere i frutti del kiwi. I danni in media sono stati attorno al 30%, ma con perdite anche fino al 100% in alcuni casi.

“La situazione quest’anno è drasticamente peggiorata, con un’invasione di cimici capillare su tutto il territorio - ha spiegato Giustiniani - le cimici, infatti, si riproducono in maniera massiccia, e di conseguenza la popolazione di insetti continua a crescere. Se già quest’anno i danni sono stati molto ingenti, è probabile che l’anno prossimo saranno ancora più disastrosi a causa dell’ulteriore diffusione delle cimici. Bisogna quindi considerarle alla stessa stregua di una calamità naturale, come una grandinata o una tromba d’aria, dando un sostegno agli agricoltori per mettere in atto sistemi di difesa in vista della prossima stagione produttiva”.

L’assessore Pan ha condiviso la preoccupazione per un problema che sta diventando molto grave in tutto il Veneto e ha spiegato che sta verificando alcune soluzioni possibili. Una è quella di inserire nel Psr, Programma di sviluppo rurale, alcune misure specifiche per finanziare le reti chiuse anti-insetto, che hanno una buona efficacia ma comportano investimenti molto impegnativi. La seconda è quella di aprire un bando ad hoc per la chiusura delle testate dei frutteti, dove le cimici riescono più facilmente a entrare.

Una terza strada è quella di immettere nei campi un insetto antagonista. Tra gli insetti selezionati dai centri di ricerca c’è un microimenottero, l’Ooencyrtus telenomicida, che riesce a inoculare le uova della cimice e ad annientarne la progenie. Si stanno, tuttavia, ancora completando le verifiche sulle possibili ricadute sull’introduzione delle nuove specie, affinché non ci siano rischi di alterazione dell’ecosistema.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl