you reporter

Alto Polesine

Anche sul Po cresce l’allarme detriti

I tronchi portati dalla corrente minacciano chiatte, pontili e piloni.

Anche sul Po cresce l’allarme detriti

Legna e materiale galleggiante preoccupano l’Alto Polesine. Ma la piena del Po non fa paura: fino a oggi pomeriggio, l’acqua aveva appena iniziato ad invadere le golene.

Ma a destare preoccupazione è piuttosto la quantità di legna e di materiale vario che galleggia nel grande fiume e che, in balia della forte corrente, mette a serio rischio le chiatte e le imbarcazioni ormeggiate sulle rive.

Soltanto due giorni fa, martedì, il materiale trasportato dal fiume Adda ha addirittura fatto crollare un ponte pedonale nel comune di Pizzighettone (Cremona). Determinante è stata la pressione esercitata dal materiale che si è raccolto a ridosso dei piloni a causa della piena, che ha fatto cedere i piloni centrali. L’Adda, però, è il principale affluente del Po e tutti quei detriti, proprio domani, sono attesi nel tratto polesano del Po.

A preoccuparsi sono soprattutto i proprietari e i gestori dei numerosi attracchi fluviali che si trovano lungo il Po che hanno iniziato a turnarsi giorno e notte per presidiare le chiatte e cercare di evitare che queste vere e proprie isole di legna possano mettere a repentaglio le strutture.

Oggi, però, la corrente ha tenuto il materiale sulla sponda destra del fiume: sulla riva polesana in molti hanno potuto tirare un sospiro di sollievo anche se, di tanto in tanto, alcuni sono stati costretti a liberare i barconi dai grossi tronchi arrivati con la piena.

Ora tutto dipenderà dalle piogge che stanno continuando a scendere copiose in montagna: le previsioni non sono rassicuranti, ma lasciano pensare che anche i prossimi giorni, sul Po, saranno caratterizzati dal passaggio di una grande quantità di detriti. Inoltre, il livello dell’acqua dovrebbe salire ancora di un paio di metri nelle prossime ore, e questo potrebbe aggravare la situazione.

Sono in molti a sottolineare un altro aspetto importante di questa vicenda: il Po continua a spingere i suoi detriti che quando trovano un ostacolo ovviamente si fermano. E se l’ostacolo è artificiale, come lo sono i piloni dei ponte che già non godono di ottima salute, si appoggiano e restano lì, rappresentando un ulteriore pericolo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl