you reporter

Coldiretti

“Proteggere i frutti del creato”

“No alle importazioni di prodotti generati da sfruttamento del lavoro. Meglio le filiere italiane”

“Proteggere i frutti del creato”

Etica ed impresa, il modello dell’agricoltura e delle filiere agricole. Questo il tema trattato durante il convegno organizzato a Corte Bariani di Arquà Polesine, da Coldiretti Rovigo in collaborazione con la diocesi di Adria e Rovigo. L’appuntamento dedicato alle riflessioni del clero polesano e dei dirigenti di Coldiretti Rovigo sui temi dell’agricoltura e dell’ambiente ha riunito una cinquantina di parroci e sacerdoti, alla presenza del vescovo Pierantonio Pavanello. “Il tema dell’etica - ha detto il vescovo - e del rispetto del creato nelle produzioni è richiamato anche dal Papa e dal messaggio della Cei, che contrappone la diversità alle disuguaglianze. La diversità infatti, come la biodiversità nelle coltivazioni, consente di preservare e proteggere i frutti del creato. Grazie all’associazionismo i produttori trovano il loro ruolo e vengono sottratti a logiche di industrializzazione che non rispettano la biodiversità”.

Il direttore di Coldiretti, Silvio Parizzi, ha detto: “Quest’occasione è preziosa per dialogare e riflettere, ritengo il consigliere ecclesiastico una figura fondamentale all’interno del consiglio provinciale di Coldiretti, perché permette di mantenere sempre presenti i principi etici e sociali alla base del nostro progetto per l’agricoltura”. Rolando Manfredini, responsabile dell’area sicurezza alimentare e produttiva di Coldiretti che ha trattato il tema delle contraddizioni del presente, come lo spreco alimentare che riguarda il 30% della superficie agricola mondiale, e le importazioni di prodotti generati dallo sfruttamento del lavoro minorile, o del lavoro forzato, come avviene con il riso dal Vietnam. Alle importazioni si contrappongono, quale scelta etica ed economica per l’agricoltura, le filiere agricole italiane, presentate durante l’incontro dal dottor Riccardo Fargione dell’Area Economica di Coldiretti, che ha descritto il modello con cui l’agricoltura ha iniziato a dialogare con l’agroindustria virtuosa realizzando percorsi sostenibili dal punto di vista economico e sociale, etico, grazie al prezzo minimo garantito alla produzione e alla qualità di cui beneficia il consumatore. Ne sono un esempio i contratti di filiera portato avanti per i settori della carne bovina, dell’olio d’oliva e del frumento biologico e l’attività di Filiera Italia promossa da Coldiretti, che coinvolge importanti player quali Consorzio Casalasco, Inalca, Ferrero, Cremonini ed altri.

A concludere l’incontro il presidente provinciale di Coldiretti, Carlo Salvan: “I temi affrontati oggi sono assolutamente importanti e trattarli insieme porta valore al dibattito - ha affermato - siamo davanti ad un periodo di sfide, soprattutto rispetto alla sostenibilità ed al cambiamento climatico, come testimoniano i recenti fenomeni di maltempo. Dobbiamo però - ha concluso- aumentare la consapevolezza del valore che il nostro territorio con le sue risorse può dare e riuscire a gestirle in modo sapiente con la nostra attività etica d’impresa, nel rispetto della biodiversità”. Una mattinata intensa, di preghiera e riflessione su temi cruciali quali, etica, territorio, filiere agricole, occupazione e sostenibilità, cui è seguito il tradizionale momento conviviale.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl