you reporter

SOLIDARIETA'

Angeli polesani in missione contro fame e povertà

Una delegazione dell’Associazione Acas Onlus di Rovigo tra pochi giorni tornerà in Burkina Faso

Angeli polesani in missione contro fame e povertà

Nella seconda metà del mese di marzo una delegazione dell’Associazione Acas Onlus di Rovigo tornerà in Burkina Faso per una missione di monitoraggio ed advocacy nel rispetto degli impegni presi per la lotta alla fame e alla malnutrizione dei bambini sotto i 5 anni di età.

La delegazione effettuerà un controllo in loco sulle attività implementate al secondo anno del progetto di lotta alla mal, dal titolo “Risorsa Terra”, che ha come obiettivo generale “migliorare la sicurezza  nutrizionale in 10 comuni delle regioni di Sud Ovest, Centro Ovest e Centro Est in Burkina Faso, con riferimento ai bambini nei primi mille giorni di vita dal  concepimento e alle donne, in particolare quelle in gravidanza e in  allattamento. 

Gli incaricati della missione sono il sig. Pier Giuseppe Romagnolo, Presidente di Acsa onlus, il Dr. Giovanni Rossi responsabile dell’ufficio progetti della medesima associazione e la d.ssa Giulia Romanin sempre dell’ufficio progetti di ACSA onlus.

La missione verificherà lo stato di avanzamento delle attività nela regione di Tenkodogou -Centro Est-  poi nella regione di Danò - Sud Ovest – ed in fine nella regione di Sadouin - Centro Ovest-. Quest’ultima regione di Sadoiun è area target dell’ACSA, nella quale opera da oltre 15 anni, e dove si sono implementate le attività più importanti del progetto, che riguarda la diversificazione alimentare.  Infatti nel centro Operativo di Sadouin è stato predisposto un vivaio con la capacità produttiva di 100.000 piante tra baobab, nerè, papaia e morenga.  Le foglie di queste piante saranno inserite nella dieta alimentare per la loro elevata capacità integrativa, protettiva fortificante dell’alimentazione.

Si intende inoltre predisporre attività che parare ipotesi di formazione per integrare il CSPS (Centro Sanitario di Salute Pubblica) che, ricade in una zona priva di servizi essenziali impianti elettrici, necessita sia di un nuovo pozzo per fornire di acqua corrente ambulatori e dispensario e di pannelli fotovoltaici per fornire di energia il Centro medesimo.

Il CSPS, in attività dal dicembre 2018, è il frutto di un progetto di ACSA, in partnership con il Comune di Rovigo, la Regione Veneto, l’Associazione culturale “L’Isola dei Tesori” di Codevigo nonché della Croce Verde di Adria.

Nell’occasione nel Centro Sanitario verranno poste le targhe che ricordano alla popolazione locale l’impegno da noi espresso in tutti questi anni.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl