you reporter

Polesella

Zes, la grande sfida: "Il governo ci ha detto sì, ma non si muove".

Presentato ieri sera il piano di investimenti che promette di portare 20mila posti di lavoro in Polesine.

Ieri sera nella sala degli Agostiniani di Polesella è stato presentato per la prima volta, sul territorio, il progetto della Zes, la zona economica speciale chiesta da Confindustria al governo per rilanciare l'economia del Polesine e di Marghera.

Il piano Zes nella nostra provincia riguarderà 16 Comuni, da Polesella a Melara, lungo la sponda sinistra del Po. Ad alzare il sipario sul progetto, assieme al presidente della Provincia Ivan Dall'Ara, e ai sindaci Raito, Garbellini e Chiarioni, il numero uno dell'associazione degli industriali Vincenzo Marinese. 

"La Zes - ha sottolineato Marinese - creerà nel complesso 26.600 posti di lavoro, attraendo il 10% di dirigenti: 2.600 persone che si trasferirebbero qui, verrebbero a vivere qui, rivitalizzando un'intera area".

Il governo, però, deve decidere. E in fretta. "Da tre mesi ci sentiamo dire 'sì, ma...' - ha attaccato Marinese - il ministro per il Sud Lezzi ci aveva assicurato che la misura sarebbe stata inserita nel decreto Crescita, invece stiamo ancora aspettando. Ora andremo da Di Maio".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl