you reporter

Adriatic al centro dell’Europa

L'incontro

95633
Da più di vent’anni, il network dei manager dei rigassificatori europei si riunisce per condividere conoscenze tecniche e migliorare le performance operative dei terminali, con il fine ultimo di garantire la sicurezza delle forniture energetiche in Europa.
Adriatic Lng ha ospitato quest’anno 27 manager, a rappresentanza di 16 diversi terminali di rigassificazione localizzati in Europa: Belgio, Francia, Galles, Grecia, Inghilterra, Italia, Olanda e Spagna. L’integrità delle operazioni e la tutela dell’ambiente hanno fatto da filo conduttore a un intenso programma di interventi volti a migliorare la sicurezza, efficienza e affidabilità degli impianti di rigassificazione.
Ampio il ventaglio di argomenti coperti durante le sessioni di lavoro: dalla gestione delle operazioni alla manutenzione, dalla sicurezza di processo a quella ambientale, dalla misurazione e analisi, alle future evoluzioni del mercato del Gnl.
Particolare attenzione è stata dedicata al tema dei bracci di carico, la cui manutenzione è sempre al centro di costanti miglioramenti. “Siamo orgogliosi di aver ospitato il meeting degli operatori dei terminali di rigassificazione, un evento ad alto contenuto tecnico che riunisce i massimi esperti del settore a livello europeo”, ha commentato Carlo Mangia, direttore tecnico di Adriatic Lng. “Aver ricevuto l’incarico di organizzare la conferenza è sinonimo di un riconoscimento e di una fiducia costruita in anni di impegno orientato all’eccellenza operativa. Il settore del Gnl ha compiuto un notevole percorso di crescita da quando la conferenza ha iniziato a riunirsi.
Questo evento costituisce un’opportunità importante per migliorare le conoscenze tecniche, non solo per Adriatic Lng ma per tutte le società partecipanti”. Dalla fine del 2009 a oggi, sono oltre 545 le navi di Gnl approdate al terminale Adriatic Lng, al largo di Porto Levante, provenienti principalmente dal Qatar e oltre 45 i miliardi di metri cubi di gas immessi in rete. Da inizio 2017 a oggi, il terminale ha raggiunto un tasso di utilizzo pari a circa 83% e vanta un tasso di affidabilità oltre al 99%.
Entrato in esercizio nella seconda metà del 2009, il terminale di rigassificazione Adriatic Lng assicura all’Italia il 10% dei consumi nazionali di gas. Infrastruttura strategica per il Paese per il suo contributo alla diversificazione dell’approvvigionamento energetico, Adriatic Lng ad oggi ha contribuito a soddisfare i consumi nazionali di gas naturale immettendo nella rete nazionale gasdotti oltre 45 miliardi di metri cubi di gas (pari ad oltre la metà del consumo nazionale del 2016) proveniente via nave da 7 Paesi (Qatar, Egitto, Trinidad&Tobago, Guinea Equatoriale, Norvegia, Nigeria e Stati Uniti). Adriatic Lng è co-controllata da Emigas (affiliata del gruppo ExxonMobil) e Qatar Terminal Limited (affiliata del gruppo Qatar Petroleum). L’organico di Adriatic Lng è composto da 125 persone.
I dipendenti che provengono dal Veneto sono 41 mentre sono 60 le imprese venete coinvolte nell’indotto.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl