you reporter

Polesella

Minacciò un vertice di Poste Italiane, partito il processo

L' imputato è un 46enne di Polesella che avrebbe mandato delle mail a un funzionario: "Vengo a Roma con un mitra"

Minacciò un vertice di Poste Italiane , partito il processo

E' partito questa mattina il processo a carico di un uomo di 46 anni di Polesella, accusato di minacce, dopo aver inviato due mail, una nel 2014 e una nel 2015, a un funzionario di Poste Italiane. Testi elettronici nei quali l'imputato avrebbe minacciato l'alto funzionario di recarsi nella Capitale  "non con una pistola giocattolo ma con un mitra". Mail pesanti,con cui l'uomo di Polesella avrebbe spiegato di essere pronto a compiere gesti estremi. 

Il protagonista della vicenda, difeso dell'avvocato Giulia Giannese, è un ex dipendente di Poste Italiane che, a seguito di un contenzioso con la società, sfociato prima in un trasferimento e poi in un licenziamento, stando alla ricostruzione dei fatti eseguita in un altro procedimento, avrebbe messo in atto una serie di azioni per indurre i vertici a rimediare al danno secondo lui subito. 

Questa mattina, davanti al giudice Silvia Barotto del Tribunale di Rovigo, è stato ascoltato un teste del pm, e l'udienza rinviata a questa estate.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl