you reporter

Occhiobello

Per quattro mesi Occhiobello e Pontelagoscuro senza ponte sul Po

Lo ha concordato Anas a partire dal 21 maggio, dopo il passaggio del Giro. Intanto giovedì l’incontro tra sindaco Chiarioni, assessore Diegoli e società Autostrade per il pedaggio gratuito.

Per quattro mesi Occhiobello e Pontelagoscuro  senza ponte sul Po

Il ponte sul Po a Occhiobello

Sarà stavolta con la società Autostrade l’incontro per affrontare la gratuità del pedaggio nel tratto Occhiobello – Ferrara nord. Giovedì prossimo il sindaco di Occhiobello Daniele Chiarioni e l’assessore ai lavori pubblici Davide Valentini saranno a Bologna al tavolo con gli altri enti e la società Autostrade. "Ho esteso l’invito a partecipare agli assessori veneti Elisa De Berti e Cristiano Corazzari - anticipa il sindaco - perché possa essere unica la sede in cui avviare il confronto sulla questione più ostica, la spesa a carico dei nostri cittadini”. Le altre ipotesi che le istituzioni hanno concordemente avanzato sono il mantenimento del passaggio ciclopedonale, fermate dei treni regionali veloci a Santa Maria Maddalena e senso unico alternato per le auto.

Intanto Anas comunica che lunedì prossimo, il 16 aprile, sarà sottoscritto dall’Ati aggiudicataria il contratto relativo all’intervento di manutenzione straordinaria del ponte sul Po a Pontelagoscuro, lungo la statale 16 “Adriatica”, e del ponte sul Reno, lungo la statale 64 “Porrettana”. Successivamente si potrà procedere alla consegna dei lavori per consentire all’appaltatore di predisporre le aree di cantiere e svolgere tutte le attività propedeutiche all’effettivo inizio delle lavorazioni. Al fine di ridurre al minimo i disagi all’utenza e considerata la necessità di procedere alla demolizione e al rifacimento totale della soletta del ponte sul fiume Po, è stato concordato con l’appaltatore un programma ridotto che prevede, a fronte di 224 giorni contrattualmente previsti, un periodo di chiusura del ponte di soli quattro mesi che potrà essere avviato subito dopo il passaggio della 13esima tappa del Giro d’Italia, quindi presumibilmente a partire dal 21 maggio. Anas si farà carico dei maggiori oneri per compensare il lavoro notturno.

Intanto sulla vicenda Forza Italia offre sostegno politico e condivisione a tutti gli amministratori polesani, da Occhiobello a Stienta, da Fiesso Umbertiano a Pincara passando per Gaiba, Canaro e Castelmassa. Tutti hanno manifestato preoccupazione per la prossima chiusura del ponte sul Po a Occhiobello, scrivendo una lettera all’Anas. Piergiorgio Cortelazzo, commissario provinciale di Forza Italia e deputato alla camera, ha offerto la sua disponibilità nel portare sul “tavolo” del governo centrale questa delicata questione che deve trovare una giusta soluzione e dare una risposta ai tanti lavoratori che devono oltrepassare il Po per recarsi sul luogo di lavoro. “Sono convinto - asserisce Piergiorgio Cortelazzo, parlando a nome di tutto il direttivo provinciale di Forza Italia - che Anas, parallelamente alla realizzazione dei lavori per la messa in sicurezza del ponte, che dovrebbe prevedere, a mio avviso un senso alternato di circolazione, darà risposta alle esigenze della cittadinanza e dei suoi amministratori locali, con un occhio di riguardo anche alle implicazioni relative al traffico che, per ovvie ragioni, si dislocherà su altri territori limitrofi a Occhiobello”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl