you reporter

Occhiobello

Ponte sul Po, Occhiobello e Ferrara inferociti con Trenitalia

I comuni di Occhiobello e Ferrara non le mandano a dire a Trenitalia per il mancato accordo sulle fermate aggiuntive.

Ponte sul Po, Occhiobello e Ferrara inferociti con Trenitalia

Il parere negativo espresso da Trenitalia sulla possibilità di fermate a Occhiobello dei regionali veloci Venezia-Bologna, è stato comunicato al comune di Occhiobello tramite la Regione Veneto, con cui vige un contratto, facendo imbestialire i due comuni.

“Il mese scorso, durante un incontro in Regione Emilia Romagna tra i comuni di Occhiobello e Ferrara, con Trenitalia, Rete ferroviaria italiana, Provincia di Ferrara e Ami, era stato chiesto di verificare la fattibilità di intensificare le fermate giornaliere (ipotesi fino a quindici) a Santa Maria Maddalena e a Pontelagoscuro o, qualora non possibile, solo a Santa Maria Maddalena per agevolare studenti e pendolari” spiega una nota dei comuni di Occhiobello e Ferrara. “La nota di Trenitalia, sentita Rfi, sottolinea i due motivi ostativi alle fermate aggiuntive richieste: il primo riguarda ‘l’impossibilità tecnica’ nel periodo 11 luglio-8 settembre a causa dell’interruzione del binario dispari tra Terme Euganee e Monselice, il secondo l’incremento della percorrenza di 4 minuti che ‘inciderebbe in modo significativo sulla regolarità del servizio’” aggiungono. “Vediamo decadere l’apertura dimostrata un mese fa e non riceviamo nessuna misura, seppur minima, che compensi il disagio - dichiarano - chiediamo che la Regione Veneto non si limiti a prendere atto, ma guidi un tavolo in cui si affrontino soluzioni alternative”.

Intanto la sezione della Lega Nord di Occhiobello, Stienta, Ficarolo, Fiesso Umbertiano, Gaiba, Pincara e Bagnolo di Po spiega come “il ministero dei Trasporti non si è pronunciato né ha cercato di affiancare gli amministratori locali in questa battaglia a difesa di un territorio che verrà esposto a duri colpi sociali senza trovare soluzioni per gli abitanti, i commercianti, le attività produttive dei due comuni interessati”. “Gli unici enti che si stanno prodigando sono i soli comuni” conclude amaro il Carroccio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: la foto di classe

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl