you reporter

Occhiobello

Furto al bancomat della Coop, chiesta la condanna per sei persone

Il colpo fruttò alla banda 105mila euro

Furto al bancomat della Coop, chiesta la condanna per sei persone

Pesanti le richieste di condanna per i presunti responsabili del furto di 105mila euro, messo a segno nell'Atm Cariveneto collocato nella Coop Adriatica di Occhiobello.

Un colpo realizzato il 10 settembre del 2013, e oggi pomeriggio, nelle aule del Tribunale di Rovigo, il pubblico ministero ha chiesto la condanna a 6 anni, più il pagamento di 1.500 euro di multa, per Massimo Borghesan, Franco Mattiazzi, Pierluigi Castagno e  Francesco Rossini. Per Antonio Francesco Gigliante Casu, invece, il pm ha invocato una pena di  4 anni e una multa a 1000 euro, mentre ha chiesto 1 anno e sei mesi per Renato Borghesan.

Un furto che agli occhi degli inquirenti risultò subito anomalo, visto che la cassetta del bancomat risultò aperta dall'interno. Eseguiti tutti i rilievi, tutto ciò che fu trovato nei dintorni dell'Atm fu inviato ai Ris di Parma, che trovarono un'impronta: un elemento importante, che portò gli investigatori a scoprire come questa appartenesse a una persona a loro già nota. 

Da qui partirono una serie di indagini che portarono le forze dell'ordine a rintracciare i presunti responsabili, ora a processo. Per l'accusa, i sei facevano parte di una banda che aveva intenzione di mettere a segno anche altri colpi: uno, in particolare, armati addirittura di kalashnikov.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl