you reporter

Villamarzana

Multa miliardaria alla pizzeria "Aerei", ma la società ha chiuso i battenti

Una multa da oltre 280mila euro per l'ex ristorante Michelangelo Da Vinci, che potrebbe riscuotere il Comune di Villamrzana, ma il gestore del noto locale ormai è fallito.

Multa miliardaria alla pizzeria "Aerei", ma la società ha chiuso i battenti

Il comune di Villamarzana ha vinto: potrà riscuotere 284mila euro per una vecchia multa staccata per abusi edilizi compiuti sul proprio territorio. Ma è una vittoria di Pirro: il multato, infatti, non esiste più e difficilmente, dunque, potrà pagare. Si conclude così, apparentemente senza vincitori nè vinti, una battaglia iniziata ormai 15 anni fa.

Era il 14 novembre del 2000 quando, appena tre mesi dopo l’inaugurazione dell’attività commerciale, il comune contestò un mega-abuso edilizio alla ditta Da Vinci Michelangelo srl. Non un nome qualunque: si tratta della società che aveva lanciato l’omonimo ristorante-pizzeria, il Michelangelo Da Vinci, appunto.

Per il comune, tutto abusivo. Compresa la “torre di controllo” che dava accesso ai due aerei (“ma è solo scenografica!”, la difesa portata avanti a più riprese - e anche in tribunale - dall’imprenditore).

Niente da fare: in municipio non hanno voluto sentire ragioni. E, per il maxi abuso, hanno staccato una multa gigantesca. Un miliardo, 252 milioni e 480mila lire. L’euro, infatti, sarebbe arrivato nelle tasche degli italiani soltanto da lì ad un anno e mezzo.

Tra le parti, a quel punto, è iniziata una trattativa, che alla fine ha portato - visto che di certo non si poteva abbattere tutto - ad un accordo per la regolarizzazione delle strutture, tramite un piano di recupero. Ma la multa, quella non è mai stata in discussione: per il comune, andava pagata e basta. La società, comunque, ha fatto ricorso, chiedendo il blocco del pagamento.

Il comune, da parte sua, ha risposto riscuotendo una fidejussione da circa 700 milioni che aveva in mano. Restava in sospeso poco più di mezzo miliardo. Che ora, con il Tar che proprio in questi giorni ha messo la parola fine alla vicenda dando ragione al comune e torto al ristoratore, dovrà essere pagato. Aggiornando in euro, stiamo parlando di più o meno 280mila euro.

Ma, rispetto a 15 anni fa, la società Da Vinci Michelangelo non esiste più. Ha chiuso i battenti, così come gli aerei e tutto il ristorante. E allora, al comune non resta che tenersi il suo credito, difficilmente esigibile.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Speciali: energia
speciali : meraviglie del delta

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl