you reporter

Sfruttamento della prostituzione, barista alla sbarra

Il processo

97027

Foto d'archivio

Prima udienza ieri mattina in Tribunale a Rovigo davanti al giudice Silvia Varotto per un cinese di 47 anni, che gestisce un bar in centro a Rovigo, e per una rodigina di una decina d'anni più grande di Lui. Entrambi devono rispondere di favoreggiamento della prostituzione.



In pratica, secondo l'accusa, il cinese "seguiva" l'attività di una casa d'appuntamenti a Occhiobello (in vicolo Venezia) al cui interno tre ragazze asiatiche esercitavano il mestiere più antico del mondo.



La rodigina, invece, avrebbe materialmente preso in affitto l'appartamento.
I fatti risalgono al 2014, mentre il rinvio a giudizio da parte del gip Pietro Mondaini è del giugno dello scorso anno ([url"Leggi l'articolo"]http://www.polesine24.it/Detail_News_Display/Occhiobello/occhiobello-a-luci-rosse-in-due-accusati-di-favorire-la-prostituzione[/url]).

Nel frattempo il cinese è stato anche raggiunto da un provvedimento di espulsione dall'Italia.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl