you reporter

Loreo

Loreo accoglie il vescovo Tessarollo

Il sindaco Moreno Gasparini ha fatto da ospite col vescovo di Chioggia che ha parlato con tutti citando San Paolo.

Loreo accoglie il vescovo Tessarollo

Foto di gruppo della visita del vescovo Tessarollo a Loreo

La prima visita ufficiale a Loreo del Vescovo della diocesi di Chioggia, Adriano Tessarollo, ha avuto luogo sabato 14 aprile mattina nella sede del palazzo comunale. La visita è inserita all’interno di un fitto programma di incontri che si svilupperanno nella settimana e che toccheranno svariate realtà loredane. Il primo impegno istituzionale ha visto il vescovo impegnato nella visita al palazzo del municipio, accompagnato dal sindaco Moreno Gasparini, da una delegazione della Protezione civile, del comando dei carabinieri di Loreo, da alcuni assessori e rappresentanti dell’opposizione.

Durante la visita nei vari uffici comunali il vescovo ha conosciuto tutti i dipendenti e ha scambiato con ognuno qualche parola per cercare di conoscerne meglio le mansioni e le peculiarità professionali. Ha spesso posto l’accento sull’estrema importanza del lavoro svolto dalle cariche istituzionali e da chi lavora nel “dietro le quinte” della macchina amministrativa: “San Paolo diceva: date la vostra testimonianza di impegno nel sociale, nella vita politica ed istituzionale perché è caratteristica dei cristiani che operano nella comunità”.

La conversazione ha toccato svariati argomenti, tra i quali la difficoltà sempre crescente di far fronte ai problemi della società loredana che, come ha messo in evidenza Gasparini, sta cambiando rapidamente: “Chi tocca con mano queste problematiche, perché oggetto del proprio lavoro, si rende perfettamente conto della necessità di creare nuove coscienze nel tessuto sociale e di gestire il cambiamento all’interno della legalità”.

La prima mattinata si è conclusa con la visita all’edificio adiacente il municipio che ospita la biblioteca comunale “Bassan” di Loreo. Il sindaco e la delegazione sono stati guidati dall’assessore alla cultura Luciana Berto e dalla responsabile della biblioteca Sara Forzato, alla scoperta dell’edificio che, fino alla Seconda guerra mondiale, è stato utilizzato come carcere.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl