you reporter

Regione Veneto

Parchi regionali, approvate le nuove regole

Il presidente della Seconda commissione, Calzavara: “Le nuove governance saranno operative dall’1 gennaio prossimo”.

Parchi regionali, approvate le nuove regole

Mauro Giovanni Viti, commissario del Parco del Delta del Po

Nella seduta di giovedì 31 maggio mattina la Seconda commissione consiliare regiomale permanente, dopo aver ascoltato per la seconda volta i soggetti coinvolti nell’iter di formazione della nuova normativa regionale sulla governance dei Parchi veneti (rappresentanti istituzionali, sindacati, mondo dell’associazionismo in materia ambientale e del volontariato, albi professionali), per acquisire eventuali proposte migliorative in ordine alle modifiche apportate al testo originario, ha votato a maggioranza i 13 articoli di cui si compone il nuovo testo normativo unificato, “con l’obiettivo – le parole del presidente della Seconda commissione, Francesco Calzavara - di rendere operativi i nuovi organi degli Enti Parco a partire dall’1 gennaio prossimo, dato che da tempo la maggior parte dei Parchi regionali è commissariata e a più di trent’anni dall’emanazione della vigente Legge Quadro regionale in materia di parchi naturali e aree protette”.

“Con le audizioni – informa Calzavara - abbiamo concluso l’iter di questa nuova legge sulla governance dei Parchi regionali. Dai soggetti portatori di interesse sono emerse alcune riflessioni rispetto al testo normativo già approvato in Prima commissione, che possono risultare utili per migliorare ulteriormente il testo normativo e recepire le istanze espresse dai territori, penso in particolare alla richiesta, da parte delle province, di una maggiore rappresentanza in seno alla Comunità del Parco. In quest’ottica, prima che la legge approdi in aula consiliare per l’esame, la Seconda Commissione si riunirà per una ulteriore analisi, alla luce degli emendamenti depositati”.

“La proposta normativa – continua il Presidente della Commissione - vuole migliorare l’efficacia e l’efficienza della gestione, semplificare e migliorare le procedure programmatorie, pianificatorie e gestionali dei parchi e delle riserve regionali, razionalizzare la spesa”. “Nell’ottica della semplificazione e della razionalizzazione della gestione, nonché di controllo della spesa pubblica – conclude Calzavara - con questo nuovo testo normativo cerchiamo di fare sintesi tra la diversa disciplina che attualmente regolamenta i cinque Parchi del Veneto. Anche alla luce della forte richiesta di rappresentanza espressa dai territori, per favorire la possibilità di partecipazione attiva e responsabile delle popolazioni residenti nelle aree protette, è stata istituita la ‘Consulta del Parco’, cioè l’organismo che esprime, pur con funzioni consultive, la pluralità di interessi rappresentati dai vari soggetti che compongono l’economia e la società dei territori in cui i vari Enti Parco regionale operano”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: la foto di classe

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl