you reporter

Una pista da ballo sotto le stelle

I luoghi dell'abbandono

Era il tempio della musica dance. Un posto “mitico”, in cui una generazione di bassopolesani (ma non solo loro, grazie alla posizione strategica, lungo la Romea) hanno dato vita a innumerevoli sabato sera all’insegna delle danze frenetiche e del divertimento.



E’ un ricordo degli anni ’80, il Madrugada. Prima si chiamava Capitol Disco, poi divenne Naxos. Ma il nome che lo ha consegnato alla storia è quello con cui lo ricordiamo ancora oggi. E che lo ha reso un posto mitico dell’epoca d’oro delle discoteche.



Poi la crisi e la chiusura. L’abbandono. E, in una notte d’agosto del 2011, le fiamme. Che l’hanno letteralmente divorato dall’interno, mandando in cenere quel po’ che era rimasto dopo che la grande sala da ballo, i bagni e gli uffici erano stati svuotati.



Porte e finestre non esistono più. E il fuoco ha fatto crollare, parzialmente, anche la copertura. Con il risultato che vento e pioggia, giorno dopo giorno, contribuiscono a rendere sempre più spettrale l’ambiente. Corrodendolo e mangiandolo, pezzo dopo pezzo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl