you reporter

Porto Viro

Profughi ospiti a Villaregia spacciavano a minorenni

Stamattina il maxy blitz della polizia

Quattro le misure cautelari a carico di altrettanti richiedenti asilo, ospitati nella struttura di Villaregia, a Porto Viro. Si tratta di quattro ventenni, tutti di origine nigeriana, arrestati questa mattina in seguito a una lunga perquisizione, trovati in possesso di circa 70 grammi di marijuana. 

L’indagine è stata condotta dal personale del commissariato di Porto Tolle con capo Giuseppe di Majo, con l'ausilio della squadra mobile di Rovigo, diretta dal primo dirigente Bruno Zito e il sostegno dell’Immigrazione, con il commissario capo Gloria Citoni.

Tutto è partito dal ritrovamento di trenta involucri di marijuana  di droga nella tasca interna di un giubbotto di un ragazzo, considerato a 'capo' del quartetto. I sospetti dello spaccio da parte degli inquirenti erano iniziati dopo che un richiedente asilo era stato beccato a spacciare: inseguito era riuscito a seminare gli agenti, lasciando però la sua bicicletta. Perqusito il mezzo, sotto la sella la polizia aveva trovato alcuni involucri di marijuana. 

Il blitz a Villaregia di questa mattina ha visto impegnati una ventina di agenti e due unità cinofile. I quattro avevano già visto rigettare l'istanza dell’ottenimento dello status di profughi e ora saranno allontanati dalla zona.

Secondo quanto ricostruito dal personale inquirente, gli spacciatori raggiungevano Porto Tolle in bici, per poi dedicarsi alla vendita di marijuana. L'operazione è stata chiamata Luna Park perché il personale della Polizia aveva assistito alla cessione di droga durante la Fiera del Delta, a un minore.

L’arrestato in flagranza, comunque destinatario anche del divieto di dimora, vede coinvolti ragazzi di età tra i 22  e i 26 anni.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • AntSer

    26 Maggio 2018 - 00:12

    In seguito alla notizia sopra riportata sull’arresto di un richiedente asilo, a Porto Viro, per spaccio di marjuana, la Comunità Missionaria di Villaregia precisa che: - Né a Villaregia, né presso le altre sedi italiane dove la Comunità ospita dei migranti, è avvenuto alcun intervento della polizia. - L’intervento riportato dalla stampa è avvenuto presso la località Ca’ Pisani, ad alcuni chilometri da Villaregia, in una struttura locata dalla Comunità a una cooperativa sociale non riconducibile alla Comunità Missionaria di Villaregia. - La Comunità Missionaria di Villaregia è esonerata da ogni responsabilità diretta od indiretta, economica e giuridica riconducibili alle attività della cooperativa, che svolge il suo lavoro in modo autonomo. - Nessuno dei migranti accolti dalla Comunità Missionaria di Villaregia, secondo la convenzione stipulata con la prefettura di Rovigo, è coinvolto in questa vicenda. P. Antonio Serrau - Comunità Missionaria di Villaregia

    Rispondi

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl