you reporter

Emergenza freddo in Veneto: come prevenire le avarie delle caldaie

73593
Sembra proprio che il 2017 sia iniziato all'insegna del gelo. Sebbene abbia leggermente allentato la presa, il freddo che ha caratterizzato gli ultimi mesi del 2016 e i primi dell'anno nuovo tiene ancora sotto scacco alcune regioni d'Italia, causando importanti disagi da quelli relativi alla viabilità ai problemi legati al malfunzionamento degli impianti di riscaldamento. Nei primi giorni del 2017, infatti, molte scuole ed edifici pubblico sono stati costretti a rimanere chiusi a causa dei frequenti blocchi delle caldaie, andate in arresto a causa delle temperature proibitive.
Oggi, la situazione è decisamente migliorata, le temperature si sono sollevate e gli impianti di riscaldamento hanno ricominciato a funzionare correttamente.
Nei periodi di maggiore criticità, sono state tante le iniziative messe in atto nella città di Rovigo, tra cui l'apertura di diverse associazioni che hanno offerto aiuto a chi vive per strada. Tra le azioni di volontariato, le donazioni economiche e di beni utili, la situazione è oggi meno allarmante.
Se, per allontanare il mal tempo, non ci sia nulla da poter fare, non si può dire lo stesso circa la manutenzione degli impianti di riscaldamento, necessaria per mantenere in funzione i caloriferi, generare acqua calda ed evitare così i disservizi, basti pensare a quanti studenti non si sono potuti recare presso le scuole per via delle caldaie in blocco.
La manutenzione delle caldaie è disciplinata diversamente, secondo tempistiche diverse, di comune in comune. Invitiamo pertanto alla visione del sito comunale di Rovigo, per informarsi sulla frequenza con cui va manutenuta la caldaia (Comune.rovigo.it).
Detto questo, vogliamo fornirvi dei suggerimenti di natura tecnica sul funzionamento delle caldaie e sui possibili guasti cui possono essere soggette. Nell'ampio ventaglio di anomalie e malfunzionamenti esistenti, vogliamo descrivere quelli che si presentano con maggiore frequenza, uno di questi è proprio il blocco dell'apparecchio, affinché possiate identificare la problematica nel momento in cui si manifestano i primi sintomi. Per il reperimento delle informazioni tecniche che seguono, ci siamo rivolti al sito di una ditta esperta nella manutenzione e nell'assistenza di caldaie di ogni tipo.

Funzionamento delle caldaie: come comprenderne i comportamenti



Saper interpretare il comportamento anomalo di una caldaia è un aspetto molto utile per prevenire eventuali guasti o malfunzionamenti, che a loro volta possono causare lo spegnimento della caldaia dando luogo a veri e propri disagi. Al fine di evitare il verificarsi di situazioni potenzialmente critiche, vogliamo descrivere i guasti più frequenti delle caldaie, ovvero le problematiche generalmente più comuni.

Blocco della caldaia



Quando la caldaia non si accende, nel 90% dei casi è andata in blocco. L'arresto di una caldaia, specialmente in condizioni di gelo, è una delle circostanze che si verificano con più frequenza.
Il blocco della caldaia causa dei grandissimi disagi alla quotidianità, poiché, al di là dell'assenza del riscaldamento, verrà a mancare anche la produzione di acqua calda. Le ragioni per cui una caldaia può andare in blocco sono tantissime, tra cui quelle relative alla sicurezza: quando il sistema rileva un'anomalia potenzialmente pericolosa, entra in azione il blocco di sicurezza che manda la caldaia in arresto. In ogni caso, la natura del guasto sarà sicuramente tale da richiedere il ricorso alle competenze di un tecnico esperto che possa individuare il problema e ripristinare in tutta sicurezza il funzionamento dell'impianto.

Interruzione della produzione di acqua calda



Se la caldaia non produce acqua calda, potrebbe essersi verificato un guasto all'impianto termico, oppure potremmo essere in presenza di un malfunzionamento: una temperatura impostata male, una pressione inadeguata, ecc. Non dovete di certo determinare la natura del guasto, bensì contattare la ditta di installazione della caldaia che possa individuare il problema e risolverlo tempestivamente.

<3>Interruzione del riscaldamento

Il riscaldamento domestico funziona grazie alla caldaia che fa circolare l'acqua calda all'interno dei caloriferi. Se i termosifoni risultano freddi e il riscaldamento non parte, noterete che anche la caldaia si troverà, nella maggior parete dei casi, in una situazione di blocco/arresto. Anche in questo caso è bene ricorrere all'intervento di un tecnico specializzato che ripristini il normale funzionamento della caldaia e così anche del riscaldamento.

Esce del fumo dalla caldaia



La cosa importante è non farsi dominare dal panico. Sebbene possa sembrare spaventoso, o pericoloso, si tratta di un problema abbastanza comune, specialmente in ambienti caratterizzati da un forte tasso di umidità. La cosa importante è che il fumo non risulti eccessivo: monitorate dunque la quantità di fumo generata dall'impianto e, qualora diventasse troppo abbondante, contattate tempestivamente un esperto.

La caldaia perde acqua



La caldaia porta l'acqua calda all'interno dei termosifoni, allo scopo di riscaldare l'ambiente circostante. A tale riguardo, va detto che la caldaia brucia gas che viene poi veicolato dal bruciatore.
Lo stesso procedimento interessa l'acqua quando viene fatta circolare verso la serpentina riscaldante. Qualora si verificasse una perdita di acqua o un'infiltrazione nel circuito del gas, la caldaia andrebbe in blocco di sicurezza. A sua volta, un blocco di questa natura richiederebbe obbligatoriamente l'intervento di spurgo delle condutture, effettuato da uno specialista.


Conoscendo il comportamento degli impianti di riscaldamento, si avrà la possibilità di riconoscere le possibili problematiche che interessano la propria caldaia, evitando situazioni di panico, e, peggio ancora, la mancanza di riscaldamento e di acqua calda all'interno di case e di edifici pubblici.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Acquevenete assume 10 persone
SOCIETA’ PARTECIPATE

Acquevenete assume 10 persone

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl