you reporter

Saranno vietate tutte le segnalazioni della presenza di velox

Il decreto

85605

Il nuovo autovelox appena installato a Bosaro

Si prospettano tempi durissimi per gli automobilisti.



Il governo infatti, è al lavoro su un decreto legge (quindi i tempi saranno stretti) che punta a rendere illegali le segnalazioni preventive di autovelox e tutor.



Se la normativa entrerà in vigore, tutti i cartelli che ora avvisano per tempo gli automobilisti della presenza dei famigerati occhi elettronici spariranno dalle strade. E così, il rischio di cadere nell’agguato di qualche pattuglia salirà esponenzialmente. Così come il rischio di "cadere" sotto le telecamere più o meno nascoste sulle strade che si conoscono meno di altre.



E in Polesine questo rischio è quotidiano, visto che con i suoi 130 autovelox, questa terra è una di quelle con la maggior densità in tutt'Italia di strumenti per la rilevazione della velocità.



Senza contare che venendo meno l'obbligo di segnalazione, anche i quasi "innocui" velobox potrebbero diventare a tutti gli effetti funzionanti.



La decisione è stata motivata da questioni di sicurezza: le segnalazioni sono considerate pericolose in quanto gli automobilisti tenderebbero a frenare bruscamente quando le scorgono rischiando di causare tamponamenti e incidenti.
Inoltre, spiega il procuratore generale di Roma, Giovanni Salvi, il fatto di segnalare con anticipo un controllo di polizia rende di fatto inutile il pattugliamento.


Sarà...
La cosa non piace ai sindaci polesani, che pure di velox ne hanno in carico parecchi. “Sono contrario - spiega Antonio Laruccia, primo cittadino di Trecenta - non riesco a capire il perché di questa decisione. Io addirittura metto sul sito del comune le date in cui i velox sono attivi, con l’orario preciso. Lo scopo di questi strumenti è quello di far rallentare gli automobilisti, non quello di fare cassa”.



Cinque postazioni di velobox ci sono anche a Pontecchio Polesine: “Sono contrario all’idea di togliere le segnalazioni - dichiara il sindaco Simone Ghirotto - io terrei le cose come sono ora: i velobox servono per far diminuire la velocità agli automobilisti più che per fare cassa”.



E cosa dire del nuovo velox sull'Adriatica che a giorni entrerà in funzione a Bosaro? Lì c'è il limite dei 50 all'ora, ed è praticamente "invisibile".


Senza cartelli poi...

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Acquevenete assume 10 persone
SOCIETA’ PARTECIPATE

Acquevenete assume 10 persone

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl