you reporter

Pioggia di multe, colpa di un black out

Il caso a Rovigo

116132
Multe come se piovesse. Il tutto a causa di uno sbalzo di corrente che ha mandato in tilt i varchi elettronici per la ztl sul Corso del Popolo. Ma per i rodigini la pioggia di multe che probabilmente cadrà sugli automobilisti è anche dovuta ad una non perfetta efficienza della macchina amministrativa e dell’operato dei vigili urbani relativamente alla segnaletica stradale.


Una rabbia che ha percorso per ore ed ore una lunga schiera di automobilisti che sono transitati sul Corso del Popolo non vedendo il consueto segnale sul pannello luminoso all’inizio della ztl. “In pratica - si diceva ieri nel comando dei vigili urbani di Rovigo - che ci sia o meno la scritta sul pannello luminoso la normativa non cambia. Quello che fa fede è quanto riportato sul segnale stradale, che indica con precisione quali sono gli orari in cui le auto possono transitare su quel tratto di Corso. E sabato e domenica questi orari non erano cambiati”.


Eppure sabato pomeriggio e domenica sul Corso è stato una specie di caos. Pannelli senza alcuna scritta e automobilisti che hanno erroneamente pensato che il varco non fosse attivo e che si potesse percorrere il Corso. Probabile quindi che a questi trasgressori arriveranno, nelle prossime settimane, una sequenza di multe per aver infranto il regolamento sulla zona a traffico limitato. L’assunto, in pratica, sarebbe che la legge non ammette ignoranza, il divieto di traffico in quel tratto di Corso, sabato pomeriggio e domenica, è sempre operativo, indipendentemente dalla scritta sul pannello elettronico.


“Il cittadino - dicono i vigili urbani - devono sapere che in quel punto c’è la ztl, e se hanno un dubbio si possono fermare e leggere i cartelli stradali. La scritta luminosa ‘varco attivo’ o ‘varco non attivo’ è un di più, per rendere evidente da subito la situazione, ma non fotografa la situazione di per sé e non è prevista dal codice della strada. Tanto è vero che in alcune occasioni abbiamo avuto automobilisti tratti in inganno dalla stessa scritta, attivo vuol dire che è attivo il traffico? E quindi si può passare? O che è attivo il varco e quindi scatta la foto al trasgressore? Ovviamente è vera questa seconda spiegazione”. Insomma chi si è fidato della scritta del pannello luminoso ha commesso un errore.


Un errore che si è scoperto causato da uno sbalzo di corrente, come spiega l’assessore alla viabilità Luigi Paulon: “Venerdì c’è stato questo sbalzo che ha mandato in tilt le centraline dei due varchi. Che si sono spenti. Siamo già al lavoro per la riparazione”. Lo stesso sindaco Bergamin ha confermato che “giovedì sera i responsabili di Enel mi hanno informato che c’era stato un black out nella zona di Rovigo. Credo che quanto successo sui varchi ne sia una conseguenza”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl