you reporter

Tribunale

Schiaffi e offese, padre a processo

Schiaffi e offese, padre a processo. L’uomo è accusato di maltrattamenti in famiglia nei confronti di due figli minori e della convivente. Anche la donna è a giudizio perchè non sarebbe intervenuta per difenderli.

Schiaffi e offese, padre a processo

Avrebbe assunto, secondo l’accusa, una condotta improntata a totale mancanza di rispetto nei confronti della convivente, minacciandola anche davanti ai figli minori, percuotendola con calci e schiaffi, ma anche offendendola con pesanti epiteti.

Non solo: sempre secondo l’accusa, avrebbe anche offeso e umiliato due figli maschi minori, aggredendoli verbalmente con offese e minacce, percuotendoli e, in generale, tenendo un atteggiamento vessatorio nei loro confronti.

Per questo, è a processo il padre dei due minori, compagno della donna: per lui l’accusa è di maltrattamenti in famiglia nei loro confronti.

La donna, peraltro, è nel processo non solo come persona offesa, quindi vittima, ma anche come imputata. Infatti, sempre secondo l’accusa, in base al capo di imputazione, la madre avrebbe avuto un atteggiamento considerato omissivo: in sostanza, secondo la ricostruzione della procura, avrebbe assistito agli episodi di aggressione fisica e verbale posti in essere dall’uomo, omettendo di intervenire in difesa dei due figli minori.

Si tratta di fatti che si sarebbero svolti in un comune non molto distante da Rovigo, in un periodo compreso tra prima del febbraio del 2014 e il maggio del 2015.

Venerdì scorso, in questura, in un’aula attrezzata per l’audizione di minori in un contesto protetto, di fronte al giudice, sono stati ascoltati, anche con la presenza di una psicologa, uno dei due figli maschi (ovvero una delle persone offese) e la figlia femmina (quest’ultima, però, nel processo non è persona offesa dai maltrattamenti).

I tre minori ora si trovano in una comunità protetta e sono seguiti, come parte civile, dall’avvocato Anna Osti.

La difesa sostiene che le accuse saranno da verificare e, dopo che i due minori sono stati ascoltati, è stato chiesto che venga fatta una perizia per valutare la loro capacità a testimoniare.

La madre, convivente dell’uomo, è assistita dall’avvocato Dania Pellegrinelli.

La prossima udienza del processo si terrà il prossimo tre luglio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl