you reporter

Occhiobello

Ponte sul Po, lavori a scuole chiuse

Rimane il nodo del trasporto su gomma. Esenti dal pedaggio alcuni residenti dei comuni limitrofi

Ponte sul Po, lavori a scuole chiuse

I lavori partiranno lunedì 11 giugno. Con una nota congiunta dei comuni di Ferrara e Occhiobello, le due amministrazioni fanno sapere che l’incontro previsto per il pomeriggio di ieri nella sede del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti sui lavori di Anas, relativi al ponte sul fiume Po tra Pontelagoscuro (Ferrara) e Santa Maria Maddalena (Occhiobello, Rovigo), l’esito si può considerare positivo. Di ritorno dagli uffici di via Nomentana 2 a Roma, dove erano presenti i comuni di Ferrara e Occhiobello, le Province di Ferrara e Rovigo, le Regioni Emilia Romagna e Veneto, Anas e società Autostrade, incontrati per cercare di trovare una soluzione per poter alleviare i disagi dovuti al cantiere Anas del ponte sul Po, le due amministrazioni fanno sapere che è stata confermata l'esenzione del pedaggio tra i caselli di Ferrara Nord e Occhiobello (solo origine e destinazione) per i nuovi e vecchi utenti telepass family e, per chi prenderà il telepass canone gratuito per i primi sei mesi.

L’esenzione sarà riservata ai residenti e domiciliati nei Comuni di Ferrara, Occhiobello, Stienta, Gaiba, Fiesso Umbertiano, Canaro e Pincara, e per tutti i veicoli di classe A e B. Il costo del minori ricavi di Autostrade dovuti al mancato pagamento del pedaggio sarà coperto per il 50% dal Mit e per il 50% dagli enti locali. Alla conclusione del cantiere, eventuali maggiori ricavi di Autostrade dovuti ai maggiori transiti saranno detratti dal costo massimo presunto dell'operazione di 150mila euro. Sono in corso le operazioni di formazione del personale degli Urp dei due Comuni, formazione funzionale all'apertura dei due punti di distribuzione telepass che temporaneamente si attiveranno presso le delegazione di Pontelagoscuro e di Santa Maria Maddalena. Una volta sottoscritta la convenzione con Società Autostrade, comunicheremo le modalità di distribuzione dei nuovi telepass. Dal canto suo, Anas conferma la durata di quattro mesi per il cantiere, che partirà da lunedì 11 giugno, una volta concluso l'anno scolastico in corso. Già dal 28 maggio fissata la partenza delle operazioni di accantieramento che prevederanno l’impossibilità di utilizzare le due passerelle ciclopedonali e brevi tratti di senso unico alternato, limitatamente alla fascia oraria 9-17. Anas nei prossimi giorni comunicherà le modalità operative del cantiere.

“Rimane ancora aperta la questione del trasporto pubblico, sia su gomma che su ferro, che ci auguriamo, con il contributo delle due Regioni, possa essere positivamente risolta e definita nei prossimi giorni – fanno sapere le due amministrazioni - sia dal punto di vista dell'organizzazione del servizio che dei suoi costi”. Positivi passi in avanti anche sulla questione traghetto di collegamento tra le due sponde: anche in questo caso la prossima settimana verranno dati i dettagli operativi del servizio. “Naturalmente non possiamo che esprimere piena soddisfazione per l'esito, non scontato, dell'incontro, che ci porta a ottenere un primo importante e certo risultato nella riduzione dei disagi e dei costi per i nostri cittadini – continuano congiuntamente - Ringraziamo l'architetto Maria Lucia Conti, direttore generale del Mit e tutti i presenti all'incontro per la disponibilità dimostrata”. Anche i capigruppo Garutti, Feltrin e Visentini che avevano incontrato il sindaco Daniele Chiarioni alla vigilia della partenza per Roma, hanno appoggiato l’amministrazione. “Sosteniamo quanto l’amministrazione comunale sta facendo e garantiamo la massima disponibilità perchè i lavori al ponte non diventino un costo economico e sociale”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl