you reporter

Mauro Amadio s'impone a Corbola <br/> alla classica "Su e so per i arzi d'Po"

CORBOLA - Si ripropone la “Su e so per i arzi d’Po”, la corsa podistica disputata ieri a Corbola, giunta all’ottava edizione.

Come negli ultimi anni la gara è stata la tappa iniziale del circuito “Adriatic Lng” 2015. Oltre 210 partenti nella gara competitiva e quasi trenta ragazzi.

Si parte con la mini corsa sui 1.500 metri. Dopo i ragazzi il via alla competitiva per gli adulti: 9.5 chilometri su un percorso scorrevole almeno per i primi sei chilometri, per concludersi con un finale duro, fatto di continui saliscendi nei tratti arginali, che danno il nome alla gara. Si parte molto forte e la gara è subito combattuta, con il giovane Mauro Amadio (Ponzano) che si incarica di tirare, mentre il molisano/rodigino, Angelo Marchetta, si accoda. I due fanno presto il vuoto, poi Marchetta tenta l’allungo a poco più di un chilometro dall’arrivo, attacco che il giovane trevigiano rintuzza per poi involarsi a sua volta verso il traguardo in 30’,54”. Tempo ottimo, di qualche secondo superiore a quello con cui si era imposto, nel 2014, l’asso marocchino Benazzouz Slimani. Poco distante Marchetta (31’,02”) mentre alle loro spalle la gara cresce di livello dopo metà percorso. Per il terzo posto la spunta il padovano Mattia Picello (Brugnera) in 31’,42” seguito da Michele Bedin (31’,48”) e Luca Favaro (31’,54”) entrambi della Salcus. Tra i primi dieci da segnalare il nono posto per Davide Corritore, dell’Avis Taglio di Po.

Si lotta almeno fino a metà gara nel settore femminile, poi la padovana Daria Legnaro (Turristi Montegrotto), vincitrice del circuito Adriatic 2014, prende il largo su Erika Cazzadore (Salcus), apparsa un po’ affaticata nel finale. 39’,05” il tempo finale della vincitrice, 39’,49” quello della Cazzadore. Terzo posto abbastanza a sorpresa, considerando il lungo periodo di inattività, per Laura Sarto (Avis Taglio di Po) arrivata in 40’,41”. Tra le prime dieci bene la compagna di squadra dell’Avis, Stefania Panfilio, piazzatasi ottava.

Due le categorie dei Veterani previste dalla gara e dal circuito: nella prima, dai 50 ai 59 anni, ha trionfato il vicentino Giovanni Bidese (Alpini Vicenza) che ha superato Renzo Ranzato (Cavalli Marini Chioggia) ed il costante Lorenzo Andreose, della Salcus. Campo partenti di alto livello tra gli Over 60: ha vinto il campione italiano degli 800 metri, Maurizio Marchetti che porta al successo il suo nuovo club, l’Avis Taglio di Po. Fa festa con lui il compagno di squadra Ubaldo Zanetti, secondo, al terzo posto il fortissimo Orazio Masiero (Voltan Mestre). Netto il successo dell’Avis Taglio di Po nella graduatoria per gruppi, con ben 57 presenze. Seguono i Podisti Adria e la Salcus Santa Maria Maddalena, poi quinto posto per il gruppo "Nano Laurenti" di Porto Tolle.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl