you reporter

Spinta all'arbitro, trovato il colpevole <br/> dopo la gara tra Zona e Baricetta

38357
Alla fine il colpevole è saltato fuori. Il giudice sportivo, nel comunicato della scorsa settimana, aveva squalificato fino al 30 giugno il capitano dello Zona Marina Mauro Veronese. Ma per colpe non sue.

Infatti, dopo l’incandescente finale con il Baricetta, gara di Terza categoria, si era scatenato un parapiglia a Oca Marina. “Dopo il fischio finale - aveva scritto il direttore di gara nel comunicato - l’arbitro veniva aggredito alle spalle da un giocatore dello Zona Marina, del quale però lo stesso riusciva a vedere solo il colore della maglia (giallo) e non il volto o il numero. L’arbitro, a seguito della spinta, cadeva rovinosamente a terra, pertanto si sanziona il capitano per responsabilità oggettiva. Si invita lo stesso a fornire il nominativo del proprio compagno di squadra colpevole dell’accaduto e conseguentemente verrà annullata la sanzione a carico del capitano e comminata all’autore del fatto”.

La società e il giocatore gialloblù hanno, perciò, inviato una lettera in Federazione indicando il nome del giocatore autore di quell’episodio: è Edoardo Barolo. Sarà lui a non poter scendere in campo fino al 30 giugno, in quanto "autore della spinta ai danni all'arbitro che lo faceva cadere rovinosamente a terra dopo il fischio finale". Per questo, è stata annullata la squalifica prima comminata a Mauro Veronese.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl