you reporter

Elenza Tuzza seconda a Padova <br/> tre rodigini sul Mortirolo con Indurain

43179
ROVIGO - Fine settimana ricco di eventi per i ciclisti polesani. Domenica i nostri portacolori si sono divisi tra la Granfondo “Città di Padova” e la Granfondo internazionale “Campionissimo” tenutasi ad Aprica.

A Padova si sono cimentati 27 atleti tra il percorso medio, di 87 chilometri e 1300 metri di dislivello, e il lungo di 144 chilometri e 1900 metri di dislivello. I polesani si sono presentati carichi come non mai, registrando prestazioni importanti tra salite conosciute a memoria come Teolo, Roccolo e Calaone. Applausi soprattutto all’infaticabile Elena Tuzza.

Meno nutrita la partecipazione alla Campionissimo di Aprica, solamente tre atleti ma comunque agguerriti lungo le salite del monte Gavia, Mortirolo e Santa Cristina, per chi si fosse cimentato nel percorso lungo. Granfondo affascinante, oltre al Gavia si scalava il Mortirolo, dal versante di Mazzo, percorso durante l'ultimo Giro d'Italia, ed arrivo ad Aprica. Presente al via anche Miguel Indurain.

Ciro Panico (Tekno Bike) ha coperto la distanza del percorso lungo in 7 ore 22' 31". classificandosi 214esimo assoluto. Il percorso medio ha visto presenti al via: Matteo Cominato, 262esimo assoluto in 6 ore 57' 19" e Paolo Brizzante, 457esimo posto assoluto in 8 ore (entrambi della Rhodigium Team).

Tre polesani hanno partecipato alla Granfondo di Asiago, nel percorso medio di 97 chilometri e 1580 metri di dislivello. I piazzamenti: Neviano Brizzante 92esimo assoluto in 2 ore e 51’ (Rhodigium Team); Luigi D’Ambrosio e Federico Belluco, rispettivamente in 113esima e 114esima posizione in 2 ore, 54’ e 41’’ (Velo Club Due Torri).

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl