you reporter

Podismo

Rovigo Half Marathon, un evento da record

Grande successo di partecipazione con oltre 4000 atleti di corsa per le strade della città.

 Quarta edizione per la  “Rovigo Half Marathon, Trofeo RovigoBanca” che conferma tutto tutti gli aspetti positivi delle prime edizioni, con un ulteriore miglioramento organizzativo. Per andare sui dettagli le conferme arrivano dall’altissima partecipazione, con 700 arrivati nella prova competitiva della mezza maratona, e quasi 3000 al via delle due prove non competitive, rispettivamente di 10 e 5 km. 

La corsa ha preso il via da Corso del Popolo, davanti Due Torri, per percorrere tutto il Corso del Popolo in direzione sud fino a Buso seguendo  le aree verdi e le piste ciclabili: da  qui il ritorno verso il centro seguendo il corso dell’Adigetto passando, poi,  dalla Tassina al Parco Lisieux, da San Pio X a Rovedicrè e percorrere il tratto finale nel cuore della città, con l’arrivo confermato in piazza Vittorio Emanuele. Un percorso molto più filante rispetto al passato che è piaciuto molto ai maratoneti, anche per il fatto che si sono evitati “imbottigliamenti” in alcuni tratti, meno gradito ai camminatori dei 10 km il tratto in aperta campagna. Si parte alle 9,30 esatte ed il meteo da una bella mano agli atleti: cielo coperto, poco vento, temperatura quasi ideale per questo tipo di distanze. In testa gli atleti keniani corrono veramente forte, ma ogni amatore ha la propria competizione, c’è l’amico da battere, o il rivale di sempre da battere o il proprio record personale sulla distanza da abbassare.

Ci pensano i “pacemaker” a dare una mano agli amatori, cioè quegli atleti, riconoscibili dai palloncini colorati, chi si incaricano di dettare il ritmo per i vari tempi finali. La gara di testa la fanno quattro atleti degli altipiani ma quando Philimon Maritim decide di cambiare ritmo, gli altri devono alzare bandiera bianca: arrivo trionfante per Maritim che vince con il nuovo record della gara di 1h 02’,44”, tempo di buona levatura assoluto. Dietro lui i connazionali Andrew Mang’ata, secondo in 1h 04’,17” e Joash Koech, terzo in 1h 06’,10”: primo degli italiani il naturalizzato Said Boudalia, 5° in 1h 10’,08” seguito dal bolognese Emanuele Generali, al sesto posto.

Tra le donne grandissima gara tra la favorita Lucy Liavoga e Carolyne Rutto: le due keniane si catapultano sul traguardo assieme e il fotofinish da la Rutto vincente con 1h 16’,32”, stesso tempo della rivale. Lontanissime le avversarie con la veronese Veronica Bacci che va ad accaparrarsi il terzo gradino del podio con 1h 31’,33”. C’è stata battaglia anche per “il migliore di Rovigo”, titolo andato all’esperto Luca Favaro che ha preceduto di poco più di 20 secondi il portacolori della Confindustria Rovigo, Nicola Battocchio, tra i gruppi primo posto proprio per il gruppo rodigino seguito da Corriferrara, Run It, Salcus S. Maria Maddalena ed AVIS Taglio di Po. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl