you reporter

Rugby Serie A

Il Badia conferma coach Lodi

La società si è classificata al settimo posto nel girone nord-est .

Il Badia conferma coach Lodi

È tempo di tirare le somme per il Borsari Rugby Badia che chiude il campionato di serie A raggiungendo l’obiettivo prefissato ad inizio stagione: la salvezza. La squadra di coach Lodi infatti si classifica in settima posizione nel girone nord-est composto da dieci squadre. Sono 7 le vittorie ottenute ed 11 le sconfitte, 419 i punti fatti e 436 quelli subiti, che portano ad un totale di 40 punti in classifica, solamente a due punti dal sesto posto conquistato dal Rugby Paese.

Un inizio di stagione difficile a causa dei vari infortuni spiega il direttore sportivo Matteo Equisetto, ma un girone di andata concluso al quarto posto nella classifica parziale: “La stagione è iniziata con delle difficoltà legate alla ricerca del giocatore straniero, avevamo ingaggiato la seconda linea Lucas Belgrano, ma dopo il suo grave infortunio nella prima amichevole del campionato, siamo stati costretti a cambiare i piani in vista dell’imminente inizio della stagione, ci siamo orientati sulla terza linea Freddy Ngoza ma era disponibile solo dalla terza partita contro il Vicenza. La squadra ha espresso delle ottime prestazioni in particolare nel girone di andata, solo in alcuni casi ci sono state partite con un approccio non adeguato a ciò che chiedevamo ai ragazzi, il girone di ritorno è stato più complicato ma in quello di andata avevamo totalizzato i punti sufficienti per farci stare relativamente tranquilli per la salvezza”.

Un girone di ritorno che riprende le difficoltà di inizio stagione a causa dei numerosi infortuni, alcuni in ruoli molto rilevanti, che non hanno permesso alla squadra di esprimere un gioco equivalente alla prima parte della stagione. “A cavallo di gennaio e febbraio abbiamo subito tanti infortuni, alcuni molto lunghi, che ci hanno impedito di continuare al 100% le prestazioni come nel girone di andata - continua Equisetto - Nel complesso siamo molto soddisfatti anche dei giocatori che sono approdati quest’anno, mi vengono in mente Saccà e Leccioli che hanno dato un grande contributo in prima linea e Mattia Andreotti per quanto riguarda i tre quarti, oltre a Ngoza, ma comunque è stato fondamentale l’aiuto di tutti i giocatori senza escludere nessuno”.

“È stato molto importante l’apporto che ha dato Michele Mantovani nei tre mesi in cui ha fatto parte della nostra squadra, in questa operazione abbiamo cercato di dare a lui il minutaggio necessario per rientrare con la Rugby Rovigo Delta ma per noi è stato un inserimento prezioso in un momento difficile della stagione”.

La società è inoltre orgogliosa del debutto di quattro giovani dell’Under 18, spiega Equisetto: “Sono molto contento di sottolineare che c’è stato l’esordio di quattro ragazzi dell’Under 18, Crivellaro, Ghelli, Stevanin e Dalla Libera, nelle ultime cinque giornate di campionato sono stati stabilmente nella rosa della Serie A ed hanno avuto un ottimo impatto sulla squadra, devono ancora lavorare molto ma hanno qualità ed entusiasmo per giocare nella categoria. Questo è un dato che come società fa certamente ben sperare e alza la qualità della proposta che possiamo offrire ai ragazzi che giocano nelle nostre giovanili”.
“Siamo ovviamente soddisfatti del percorso dei ragazzi e della disponibilità dello staff tecnico, sia nei confronti della prima squadra sia nei confronti delle giovanili e siamo contenti di annunciare che Alessandro Lodi sarà l’allenatore anche per la prossima stagione. Insieme a Lodi stiamo verificando le possibilità dei giocatori visto che ci saranno degli spostamenti e ritiri per motivi di lavoro, studio e fine carriera, stiamo valutando varie opportunità per costruire una rosa che ci permetta di affrontare la prossima stagione al meglio”, conclude Equisetto.

“Per fare un bilancio conclusivo si può definire questa stagione estremamente positiva e soddisfacente, complimenti ai ragazzi che sono riusciti a raggiungere l’obiettivo salvezza con tre giornate di anticipo, complici l’ottima tenuta atletica grazie al lavoro svolto dal preparatore Athos Ferron e la crescita continua nella qualità del gioco grazie a Lodi e Badocchi, molto importante è stato inoltre lo spirito di gruppo che tiene unita la squadra da ormai tre anni”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

speciali : L'oro dell'Adriatico
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl