you reporter

Il caso

Ispezioni pilotate e tangenti all'Agenzia delle entrate: funzionario in manette

Il funzionario dell'Agenzia delle entrate di Venezia avrebbe favorito, attraverso un commercialista, tre importanti imprese che operano nel settore ittico a Chioggia. Per lui 13mila euro.

Ispezioni pilotate e tangenti all'Agenzia delle entrate: funzionario in manette

Foto grazie a La nuova Venezia

Corruzione all’Agenzia delle Entrate di Venezia. In manette (e inviato ai domiciliari) è finito il funzionario Francesco Cotticelli, 54 anni, originario di Napoli e residente a Mestre. Secondo l'accusa ha intascato 13mila dal commercialista chioggiotto Augusto Sartore, per aggiustare le verifiche nei confronti di tre società operanti nel settore ittico di cui lo stesso Sartore era il consulente fiscale.  

L’operazione del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Mestre è stata coordinata dai pm Stefano Ancillotto e Stefano Buccini.

L'accusa è d avere pagato tangenti per aggiustare i controlli e far pagare meno tre suoi clienti. In tutto si parla come detto di 13mila euro.

Le società oggetto del "favore", secondo l'accusa sono la Acquachiara , la Alles Fisch&C e la Davimar, tutte aziende del settore ittico con sede a Chioggia.

Gli inquirenti non hanno trovato le prove che i titolari delle tre ditte “agevolate”, fossero a conoscenza che il loro consulente  pagava il funzionario per aggiustare i risultati delle verifiche. Inoltre Sartore non ha mai tirato in ballo i clienti. In sostanza lo avrebbe fatto a loro insaputa, ricavando in altro modo il proprio tornaconto. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl