you reporter

Francia

Un viaggio alla scoperta della Merveille francese: Mont Saint Michel

Il sito turisticamente più attivo e visitato di tutta la Francia dopo Parigi.

Un viaggio alla scoperta della Merveille francese: Mont Saint Michel

Tra la Normandia e la Bretagna, collegato alla terra per mezzo di un lungo tombolo si eleva Mont Saint Michel, soprannominato la Merveille (meraviglia).

Con la sua abbazia benedettina, dopo Parigi rappresenta il sito turisticamente più attivo e visitato di tutta la Francia, con circa 3.200.000 visitatori ogni anno e dal 1979 fa parte dei Patrimoni mondiali dell'umanità dell'Unesco dal 1979.

L'alternarsi delle maree, che determinano la trasformazione del monte in un isolotto, e lo specchio d'acqua che lo circonda regalano un paesaggio unico nel suo genere, da sogno, indimenticabile.

L’isolotto roccioso su cui sorge l’abbazia ha un diametro di circa 960 m e una superficie di circa 280 ettari. La roccia si alza dal mare di 92 metri ma con la statua di Saint Michel, collocata in cima alla guglia della chiesa abbaziale, raggiunge l’altitudine di 170 metri.

Una delle peculiarità che rendono famosa abbazia ed isola è la veloce escursione delle maree che in passato coprivano la strada per raggiungere l’isola nella notte.

Le maree e le sabbie mobili della baia hanno contribuito all’inespugnabilità del monte, rendendolo accessibile al minimo della bassa marea o al massimo dell’alta marea.

La leggenda di Mont Saint Michel narra che l’arcangelo Michele nel 709 apparve al vescovo di Avranches chiedendo che gli fosse costruita una chiesa sulla roccia. Il vescovo ignorò tuttavia per due volte la richiesta finché San Michele non gli bruciò il cranio con un foro rotondo provocato dal tocco del suo dito, lasciandolo tuttavia in vita. Il cranio di Sant’Auberto con il foro è conservato nella cattedrale di Avranches. Il monte cambiò quindi nome in Mont-Saint-Michel-au-péril-de-la-Mer.

Per assaporarne l'atmosfera, prima di organizzare il vostro viaggio, vi consigliamo di ascoltare il brano Mont Saint-Michel di Mike Oldfield, contenuto nell'album Voyager.

Cosa mangiare

Oltre ad essere famosa per la sua storia, Mont Saint Michel è rinomata anche in ambito gastronomico: è infatti possibile gustare numerosi piatti deliziosi, come ad esempio la tipiche cozze, che vantano anche le denominazioni DOP e DOC, e, da sole, rappresentano un quarto della produzione di cozze di tutta la Francia. A Mont Saint Michel le cozze vengono solitamente preparate alla marinara con vino bianco ed erbette, alla plancha, oppure in un risotto. La gastronomia di Mont Saint Michel è altrettanto famosa per la carne di agnello: gli agnelli vengono allevati in aree costiere allagate dalle maree e queste donano alle carni un delizioso gusto salato. L’agnello di razza Grèvin beneficia anche della denominazione DOP ed ha una produzione molto limitata. Lo gigot d’agneau à la Bretonne è una ricetta tipica a base di agnello arrostito con fagioli, pomodori, cipolla e aglio. Mont Saint Michel è famosa anche per un antico ristorante dove fin dall'ottocento Annette Poulard, una nota chef dell’epoca, accolse pellegrini e buongustai elaborando più di settecento ricette. Uno dei suoi piatti più famosi, divenuto un classico della cucina di Mont Saint Michel, è l’omelette de Madame Poulard, una frittata fatta con uova ben montate e cotte in una padella con il burro fresco.

Dove dormire

Se volete godere appieno dell’atmosfera magica di questo luogo, vi consigliamo di pernottare presso l’Hôtel du Guesclin, aperto da aprile a novembre, questo albergo a conduzione familiare dista soli tre minuti a piedi dall'abbazia e affaccia sul mare… un luogo raffinato dove potrete trascorrere piacevoli e romanticissimi momenti di relax.

Come arrivarci

Sia dall'aeroporto di Verona che da quello di Venezia esisitono voli diretti a Parigi e da lì raggiungere la località della Normandia è agevole, noleggiando semplicemente un’automobile. Il viaggio da Parigi dura circa 2 ore, ma non mancano gli autobus o le navette, che arrivano a meno di mezzo chilometro dall’isolotto. Chi vuole arrivare a Mont Saint Michel con l’autobus deve fare riferimento al servizio offerto da Keolis, una società francese di trasporti che garantisce collegamenti giornalieri da Dol de Bretagne e Rennes verso Mont Saint Michel, con tariffe rispettivamente di 8 e 15 euro per la singola tratta.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl