you reporter

Piemonte

Visitare Torino in 24 ore

Questa città, che è stata capitale di un regno, sa unire il fascino dell'architettura al cosmopolitismo e alla spiritualità.

Visitare Torino in 24 ore

“Senza l’Italia, Torino sarebbe più o meno la stessa cosa. Ma senza Torino, l’Italia sarebbe molto diversa” - diceva Umberto Eco.

Se credete che per visitare città nuove servano molti giorni di vacanza vi sbagliate. Esistono delle linee guida per poter apprezzare la bellezza di una città che non abbiamo mai visitato, e basterà seguire quelle che vi stiamo per suggerire per concedervi una gita di 24 ore a Torino all'insegna del gusto e dell'arte!

Torino è una città dalle caratteristiche più varie: il capoluogo piemontese è il risultato di una piacevole fusione tra la sobrietà e il lusso tipico di una città ottocentesca e la vitalità di un centro urbano costellato di bar e vinerie, che da Piazza Castello, storico salotto torinese, proliferano in tutta la città.

Un’architettura e una cucina raffinata sono i fiori all'occhiello di una città che è sempre più cosmopolita, che conserva in sé il fascino di una storia complicata e di una tradizione industriale tra le più rilevanti del panorama economico italiano di tutti i tempi.

Di Torino colpisce soprattutto la compostezza del suo skyline circondato da imponenti vette alpine. Il capoluogo piemontese si presenta come una città dal fascino unico, dove sono passati imperatori, sono nati regni, in cui il potere ha lasciato segni indelebili. Torino punta al futuro con l'ambizione di una una città che da piccolo villaggio pedemontano è divenuta la capitale di un regno e di una nazione, per poi trasformarsi in capitale del cinema e dell'automobile.

Visitare una città così ricca in un solo giorno potrebbe sembrare un’impresa impossibile, ma, con le dovute accortezze, sarete in grado di apprezzarne gli aspetti più caratteristici… in solo 24 ore di tempo!

La mattina

Arrivati a Torino, la prima cosa che dovrete fare è una colazione torinese al Bicerin in Piazza della Consolata. Aperta dal 1793 era il bar prediletto da Camillo Benso di Cavour. Qui ordinate lo storico bicerin, una bevanda calda a base di caffè, cioccolata e crema di latte, accompagnandolo con un piatto misto di biscotti secchi piemontesi di produzione artigianale.

Da qui potrà avere inizio il tour turistico della città, a partire dal Santuario della Consolata, esempio di stile barocco e sicuramente una delle più belle chiese della città, proseguendo poi con il Duomo di Torino, in via XX Settembre, unico esempio di chiesa rinascimentale della città e luogo dov'è custodita la Sacra Sindone.

Dopodiché potete spostarvi e continuare la vostra passeggiata verso Piazza Castello, il centro della città detta anche il salotto di Torino. Qui potrete ammirare, affacciati su questa bellissima piazza, Palazzo Reale, Palazzo Madama, la Chiesa di San Lorenzo e uno tra i più importanti teatri lirici d’Italia, il Teatro Regio. Dalla piazza potrete ammirare altri tre monumenti: il Monumento al Cavaliere D’Italia, la Statua dell’Alfiere dell’Esercito Sardo e il monumento dedicato a Emanuele Filiberto duca di Aosta.

Il pomeriggio

Lungo la via che collega Piazza Castello a Piazza Vittorio, via Po, e nelle sue traverse, ci sono numerosi ristorantini dove potersi rifocillare dalle fatiche della mattinata. Se amate i pranzi informali, abbondanti ed economici fermatevi al Pausa a Pranzo, dove potrete assaggiare la famosa pasta nel cono!

Dopo esservi rifocillati adeguatamente, imboccando via Montebello, una delle traverse di Via Po, troverete la Mole Antonelliana, simbolo di Torino e sede del Museo Nazionale del Cinema, unico museo dedicato alla settima arte in Italia. Potrete passare qualche ora tra cimeli, lanterne ottiche, attrezzature cinematografiche antiche e moderne.

Attraversate Piazza Vittorio Veneto e, oltrepassando il ponte, visitate la Chiesa della Gran Madre, ai piedi della collina torinese. La chiesa, in stile neoclassico, è famosa anche per le sue storie legate alla Torino magica. Gli esperti di esoterismo dicono, infatti, che la chiesa sia un punto dove si concentrano energie positive molto potenti e che le due statue all’entrata indichino il posto dove si trova il Sacro Graal.

Risalendo la collina arriverete poi al Monte dei Cappuccini, posizionato in cima, dove potrete visitare la Chiesa di Santa Maria al Monte e ammirare Torino dall'alto all'ora del tramonto.

La sera

Per la sera vi consigliamo di provare il tradizionale ed economico apericena torinese. Con pochi euro potrete ordinare un cocktail, un calice di vino, una birra o un’altra bevanda e avere libero accesso al buffet proposto dal locale dove troverete risotti, pasta, patate e verdure, pizzette e focacce, stuzzichi vari. L’ipotesi di andare a letto affamati è fuori discussione!

Vi consigliamo l’Ambharabar, un locale dall’atmosfera arabeggiante dove poter gustare dei buoni cocktail. Se amate il mojito sappiate che qui ne propongono ben 15 varianti e, oltre a poter fumare il narghilè, l’apericena, servito al tavolo e realizzato con ingredienti semplici e freschi, è tra migliori della città!

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali : meraviglie del delta
Speciali: energia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.

Powered by Gmde srl