you reporter

Il viaggio

Dal Veneto all'Austria in treno e bicicletta

Grazie alle ferrovie austriache e tedesche si può partire da Venezia per arrivare in treno a Innsbruck, scegliendo poi di utilizzare la bici per gli spostamenti.

Dal Veneto all'Austria in treno e bicicletta

Una pista ciclabile lungo la vallata dei laghi

Un treno per godersi la tranquillità di un soggiorno in montagna da Trento, con il monte Bondone e l’incantevole Valle dei Laghi, a Plan di Corones fino a Innsbruck, la capitale delle Alpi. Non solo. Per chi ama le due ruote la vacanza green è perfetta: si arriva nella meta scelta senz’auto e si prosegue con la bicicletta alla scoperta di vallate incontaminate.

L’opportunità di lasciare a casa l’auto è data dalle ferrovie austriache e tedesche Db-Obb Eurocity (www.megliointreno.it) che partono da Venezia, Padova o Verona e raggiungono il Trentino ed il Tirolo austriaco. Sono sempre più i turisti che scelgono il treno per raggiungere la loro meta: lo scorso anno sono stati ben 750mila. E le tariffe sono concorrenziali: si parte alla scoperta del Tirolo austriaco con 29 euro. Le montagne dell’Alto Adige possono, invece, essere raggiunte a partire da 9 euro: senza cambi si arriva direttamente a Rovereto, Trento, Bolzano, Bressanone, Fortezza e Brennero. Con un solo cambio si giunge a Merano, Brunico Plan de Corones.

Monte Bondone è una montagna in città (www.discoverdetrento.it). Si esce dalla stazione di Trento è, in poco tempo, si è già sui sentieri escursionistici, vie di roccia, percorsi trekking e mountain bike. Una vacanza a dimensione di tutti, soprattutto per le famiglie con bambini. Gli amanti delle due ruote possono contare su oltre 400 chilometri di piste ciclabili e lasciarsi coinvolgere dagli splendidi paesaggi della Valle dei Laghi, senza dimenticare le salite da mito come la leggendaria Charly Gaul.

La novità di quest’anno è la bici-bus, Trento- Sarche, che collega la Valle di Laghi fino alle Dolomiti del Brenta, patrimonio Unesco. Bici e trekking tra i masi a Plan de Corones (www.kronplatz.com) La ciclabile della Val Pusteria è una delle mete più gettonate. Parte da Bressanone, si snoda lungo il fiume Rienza/Drava passando tra campi e prati in fiore e caratteristici masi ed ha come sfondo le maestose vette delle Dolomiti. Una pista adatta a tutti e consigliata alle famiglie con bambini. Una sosta la meritano Brunico, definito borgo più felice d’Italia, ed il parco Nuovo Mondo Bimbi di Valdaora. Ma c’è di più: con la holidaypass si può viaggiare gratuitamente con tutti i mezzi pubblici.

Per i biker più estremi ci sono i 115 chilometri di itinerari da percorrere, di baita in baita, a Innsbruck con un dislivello compreso tra i 600 ed i 2.250 metri. Una delle mete è la malga Hottinger, passando sopra i tetti di Innsbruck. Spettacoloso è il sentiero che porta alla malga Mutter Alm con vista mozzafiato sul ghiacciaio della Zillertai.

Per chi non vuole forzare troppo, ci sono i 200 chilometri di vie ciclabili lungo la valle dell’Inn. La pista cicloturistica invoglia a conoscere graziosi e pittoreschi borghi ed imponenti castelli. Il ritorno, per chi è stanco, può essere fatto in treno. Alla sera non mancate di fare una passeggiata nel centro storico di Innsbruck.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Speciali: energia
speciali : meraviglie del delta

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl